Viasat S-Box Evo e 2S Evo per monitorare le flotte elettrificate

Robin Grant
01/12/2022

Viasat S-Box Evo e 2S Evo per monitorare le flotte elettrificate

Viasat S-Box Evo e 2S Evo sono i nuovi dispositivi satellitari dedicati alle flotte di auto elettriche e ibride, e per accompagnare le aziende nella cosiddetta “transizione ecologicafortemente voluta dall’Unione Europea.

Nel contesto del Fit For 55, infatti, il ruolo del noleggio sembra avere una certa rilevanza per quanto riguarda la diffusione dei veicoli a basse emissioni, tanto da rappresentare il 47% delle auto ibride immatricolate e il 29% delle elettriche. Inoltre, il noleggio aiuta a svecchiare il parco auto circolante, con una media di età di 4 anni contro i 12 delle auto private.

Come funzionano i Viasat S-Box Evo e 2S Evo

I nuovi dispositivi satellitari si inseriscono all’attività di Centrale Operativa H24 o Emergency Call e si integrano alla tecnologia della piattaforma Digital Connect, e quindi alimentano un unico ecosistema integrato che permette di monitorare in tempo reale lo stato della flotta per intervenire in modo preventivo o tempestivo ad eventuali guasti o anomalie.

Viasat S-Box Evo 2S Evo

Viasat S-Box Evo e 2S Evo, inoltre, dispongono delle tradizionali attività di antifurto, con il ritrovamento e recupero delle automobili in caso di furto o appropriazione indebita, e permettono un’efficiente gestione dei sinistri con l’elaborazione di una perizia telematica. Tutti i conducenti o “driver”, ancora, possono consultare autonomamente i dati e i loro percorsi con l’app Viasat appS.

Monitorare i costi

Tra i criteri principali delle scelte aziendali in termini di auto c’è sicuramente il costo di gestione e mantenimento delle auto. I dispositivi Viasat permettono di controllare tutti i dati relativi raccolti a bordo, monitorando l’efficienza operativa e quindi dando prospettive di risparmio, sicurezza e permettendo a chi guida di avere una maggiore consapevolezza relativamente ai comportamenti da tenere al volante.

Parlando di ibrido ed elettrico, questo diventa ancora più fondamentale: nel caso delle vetture PHEV per mantenersi sui valori di consumi bassi dichiarati dalla casa, e quindi con batteria sempre carica e guida tranquilla. Nel caso delle full electric, per capire il loro funzionamento e avere il massimo dell’autonomia possibile con quel veicolo.

—–

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram. Vi invitiamo a seguirci anche su Google News cliccate qui sotto per l’iscrizione gratuita!

google news