I robot ricaricheranno le auto elettriche mentre sono parcheggiate

Nicola Spada
20/02/2020

I robot ricaricheranno le auto elettriche mentre sono parcheggiate

E se fossero i robot ad occuparsi della ricarica elettrica mentre siamo impegnati in altro? E’ questa l’idea alla base del progetto di Volkswagen Components.

L’idea convince, perchè eliminerebbe completamente l’attesa alla stazione di ricarica. Questi robot autonomi, sono infatti in grado di trainare le batterie mobili fino alla vettura ed occuparsi di tutte le operazioni senza interventi esterni.

[embedcontent src=”youtube” url=”https://youtu.be/yMC1H__xL3Y”]

Il servizio che può essere attivato via app o dalla vettura stessa, tramite la comunicazione V2X, prevede che il robot autonomo si posizioni vicino al veicolo e vi si metta in comunicazione. Autonomamente apre lo sportellino e connette la presa della batteria mobile che ha trainato con sé dando così inizio alla ricarica. Quando il processo è completato, scollega il cavo e riporta la batteria al suo posto. Il tutto senza nessuna azione umana.

Il bello è che durante la ricarica il robot sarà in grado di muoversi e compiere varie operazioni, collegando altre batterie ad altri veicoli e riportando alla stazione centrale quelle che hanno concluso il loro compito, affinché si ricarichino e siano nuovamente disponibili.

Il prototipo del robot addetto alla ricarica è dotato di guida autonoma ma soprattutto da un accumulatore mobile chiamato “battery wagon”. Ogni accumulatore ha una capacità di 25 kWh e una potenza di fino a 50 kW disponibile in corrente continua.

Ogni robot autonomo può spostare diversi battery wagon nello stesso momento e portarli dove servono, grazie a un sistema di telecamere, scanner laser e sensori a ultrasuoni. Un mix di tecnologie che serve sia per i movimenti in aree dove si muovono veicoli e pedoni, ma anche per compiere con estrema precisione le operazioni di connessione e sconnessione della presa. Ovviamente, più è grande il parcheggio, più è alto il numero di robot autonomi che possono operare simultaneamente.

—–

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguiteci su Facebook, Twitter, Instagram e Flipboard. Non esitate ad inviarci le vostre opinioni e le vostre segnalazioni commentando i nostri post.

telegram