Zenvo TRS-S

Zenvo TRS-S: il mostro artigianale danese da 1177 CV!

Piccoli, ma grandi, questi danesi!

31 agosto 2020 - 9:00

Alzi la mano chi conosce Zenvo! In pochi, sicuramente, perché è un’azienda piccola e a realizzazione artigianale. Fondata nel 2004 da Troels Vollertsen, ha sede a Præstø, nella regione-isola di Sjælland, la stessa dove si trova anche Copenhagen. Il nome, Zenvo, nasce dalla combinazione delle ultime quattro lettere (Tsen, la cui pronuncia è la medesima, in danese, di “Zen”) e delle prime due lettere (Vo) del cognome del fondatore. Pochi sono i modelli prodotti, ma l’ultima versione della Zenvo TRS-S riesce a far rabbrividire persino Bugatti!

 

Zenvo TRS-S: una hypercar da 1,40 milioni di euro

L’azienda danese è poco nota al pubblico, oltre che per le dimensioni, anche perché strettamente elitaria. Il primo prototipo è stato presentato nel 2008, e ha portato alla produzione nel 2009 della Zenvo ST1, prima vettura realizzata dall’azienda e prodotta in soli 15 esemplari dal 2009 al 2016. In quell’anno è arrivata la TS1, attuale modello che non cambia tanto nel design quanto nelle motorizzazioni e divisa in TS1 GT, la vettura da strada, TSR, versione da pista, e TSR-S, che porta in strada la vettura da pista.

La sua dimensione elitaria, che vede una media di produzione di 5 automobili all’anno, ha fatto sì che sia poco apprezzata nella stessa Danimarca, e venduta ai soliti noti, i grandi magnati arabi o statunitensi. Solo nel 2018, a 9 anni dall’inizio della produzione, un facoltoso cliente danese ha acquistato una Zenvo TRS-S rossa venduta a 10,5 milioni di corone danesi, pari a circa 1,40 milioni di euro.

Zenvo TRS-S: l’ultima versione della hypercar fa paura

Ma la TRS-S venduta al magnate scandinavo non ha paragoni con l’ultima versione, che doveva essere presentata da Zenvo al Salone di Ginevra, della hypercar nata per rivaleggiare soprattutto con gli svedesi di Koenigsegg. Il nuovo motore V8 ha ora una doppia sovralimentazione che lo porta ad erogare ben 1177 CV. Si tratta della prima vettura a montare ruote in fibra di carbonio, di cui Zenvo ha curato ogni fase, dalla progettazione alla costruzione. La fibra di carbonio è onnipresente in questa nuova TRS-S, ed è anche un elemento stilistico visto che molte componenti interne lasciano il sesto elemento a vista creado così un bel motivo geometrico, che si vede anche nella linea centrale in blu.

Il cliente, comunque, può sfruttare la grande esperienza dell’azienda di Præstø nella lavorazione della fibra di carbonio per scegliere la texture che più preferisce, ottenendo, in base al metodo di tessitura, un motivo  geometrico, o a spina di pesce. In ogni caso, la garanzia di qualità e di cura al dettaglio sarà data dal fatto che ogni componente in fibra di carbonio viene posata a mano dagli artigiani dell’azienda.

Ogni componente in questo materiale viene creato da Zenvo combinando la manualità umana a una tecnologia all’avanguardia. Anche i cerchi, per gli stessi motivi appena visti, possono quindi avere tantissime possibilità di personalizzazione e texture, e il cliente può decidere se lasciare il colore naturale della fibra di carbonio o se colorarlo. Il cliente ha anche la possibilità di decidere il motivo di ogni singola parte della vettura, andando a creare un design altamente personale e movimentato.

 Il design rigido e pulito di Zenvo TRS-S

Guardando l’estetica della vettura si riconosce subito la sua provenienza nordeuropea. Il design è, infatti, molto pulito: le linee sono nette, rigide, dritte, pochi sono gli elementi che movimentano l’auto e quelli che ci sono hanno puro scopo aerodinamico e funzionale, come per esempio le due prese d’aria sul cofano, l’unica nervatura sulla portiera e i passaruota posteriori molto pronunciati. Il minimalismo è confermato anche dalla parte inferiore dell’auto, in nero per contrastare con il bianco della carrozzeria (disponibile anche in altri colori piuttosto neutri, come il grigio, il nero, il blu, ma anche in rosso), e per rirpendere la grossa griglia frontale. Il contrasto è accentuato anche dai fari full LED, bruniti appositamente per farsi notare.

Guardando la vettura è impossibile non notare la fibra di carbonio, visibile soprattutto sui grandi cerchi scuri a 6 razze con logo Zenvo rosso a contrasto. Cattivissimo il retro, con l’enorme spoiler aerodinamico in grado di iclinarsi a seconda delle esigenze della Zenvo TRS-S, e i due grandi tubi di scarico che stanno appena sopra il paraurti posteriore nero a contrasto blu. I fari sono piccoli e tondi, inseriti in due grandi prese d’aria scure.

Zenvo TRS-S: la nuova versione ha un cambio ibrido

Zenvo, con questa ultima variante della TRS-S, porta sul mercato la versione a cambio ibrido della sua hypercar. La nuova variante monta un cambio sequenziale a 7 rapporti, i cui ingranaggi sono a taglio elicoidale, una caratteristica che fin dall’inizio ha distinto il marchio scandinavo. Il cambio permette al guidatore due modalità di guida, Road e Race, che si selezionano da due pulsanti fisici in alluminio posti comodamente sul volante.

Nella modalità Road, ogni manovra è assistita elettronicamente, in modo da garantire il comfort e non rendere la guida troppo dura e faticosa. La modalità Race rende l’azzetto della Zenvo TRS-S estremamente veloce e diretto, portando su una vettura da strada delle caratteristiche tipiche delle vetture da corsa, in primis la TSR da pista da cui quest’auto deriva.

Tutto questo, unito alla leggerezza del materiale e al nuovo motore a V8 a doppia sovralimentazione da 1177 CV, permette alla Zenvo TRS-S un’accelerazione 0-100 in 2,8 secondi e 0-200 in appena 6,8 secondi, grazie all’aerodinamica studiata e al grande spoiler posteriore Centripedal, anch’esso frutto di progettazione e realizzazione del team di Zenvo. Anche questa TSR-S vuole mantenere la tipica esclusività dei modelli Zenvo: il costo parte da 1,45 milioni di euro, e la produzione sarà sempre limitata a 5 auto all’anno. Se volete il frutto dell’ingegneristica e del design scandinavo, e siete disposti a spendere, non vi resta che farvi avanti!

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

portapacchi per auto gonfiabile

Portapacchi da auto gonfiabili e morbidi che occupano poco spazio

Mini Rockingam GT Edition

Mini Rockingam GT Edition: la limited edition che celebra il Motorsport

Murales milanesi

Alla scoperta dei murales milanesi con Lynk & Co 01