Chopard Alpine Eagle XL Chrono: un cronografo di alto profilo

Caterina Di Iorgi
04/11/2020

Chopard Alpine Eagle XL Chrono: un cronografo di alto profilo

Chopard Alpine Eagle XL Chrono è la collezione lanciata con successo da Chopard nel 2019, che conta già dieci referenze declinate in due dimensioni di cassa, si arricchisce ora di tre modelli di diametro extra-large di 44 mm. Con la loro presenza, sposano la forma dei polsi maschili e permettono di alloggiare al loro interno un sofisticato movimento cronografo. Sul lato destro, i pulsanti sono elegantemente integrati da entrambi i lati degli elementi di protezione della corona: il risultato della massima discrezione contribuisce all’armonia delle forme e alla simmetria che caratterizza la collezione.

Le tre novità ospitano il movimento Chopard 03.05-C, una creazione degli artigiani orologiai della Maison che vanta una autonomia di 60 ore. La sua elaborata architettura garantisce regolazioni precise e un utilizzo ottimale delle funzioni cronometriche. Il calibro è dotato di ruota a colonna, oltre a contenere diverse innovazioni tecniche sfociate nella registrazione di addirittura quattro brevetti, frutto dell’audacia dei team di ricerca e sviluppo di Chopard.

Chopard Alpine Eagle XL Chrono

In primo luogo, contiene un sistema di ingranaggio unidirezionale che evita le dispersioni di energia garantendo al contempo la velocità di carica, una funzione estremamente apprezzata nella famiglia dei cronografi, grandi consumatori di energia. Poi, la modalità di innesto verticale garantisce un avvio preciso delle misurazioni del tempo. Il calibro cronografo, inoltre, è di tipo “flyback”, una funzione che permette il cronometraggio istantaneo dei tempi brevi grazie ai tre martelli rotanti con bracci elastici che agevolano l’azzeramento dei contatori. Infine, il bilanciere Variner inserito nel Chopard 03.05-C, compensando le sue variazioni di inerzia per tutta la durata di utilizzo dell’orologio, è all’origine della stabilità di marcia del movimento.

Questo calibro con certificato di cronometria del Controllo Ufficiale Svizzero dei Cronometri (COSC), è alloggiato all’interno di una cassa realizzata in Lucent Steel A223, una lega di acciaio innovativa messa a punto da Chopard per le sue virtù anti-allergiche, la sua solidità e la sua brillantezza impareggiabile ottenuta grazie a un meticoloso processo di rifusione. La terza referenza propone, inoltre, una alternativa bi-metallica con l’utilizzo addizionale di oro etico rosa 18 carati per la lunetta, la corona e una parte del bracciale.

Chopard Alpine Eagle XL Chrono

Chopard Alpine Eagle XL Chrono: Nero Assoluto

All’opzione con quadrante Blu Aletsch, Chopard aggiunge in collezione un nuovo colore e presenta due Alpine Eagle XL Chrono con quadrante Nero Assoluto. Ispirandosi ai colori dell’ambiente Alpino, Karl-Friedrich Scheufele, co-presidente di Chopard nonché creatore della collezione, ha voluto proporre il nero intenso delle notti in montagna, quando la vita selvatica si riappropria degli spazi; notti che ci ricordano quanto l’illuminazione artificiale legata all’uomo e all’urbanizzazione disturbi le abitudini di vita della fauna circostante.

Sia nella versione Blu Aletsch sia in quella Nero Assoluto, il quadrante mantiene la sua texture e il suo motivo a raggiera in riferimento all’iride dell’aquila. La lancetta dei secondi a forma di piuma sorvola questa visualizzazione estremamente leggibile scandita dai contatori in rilievo.

Sul rehaut compare la scala tachimetrica con discrete tacche di colore rosso in corrispondenza delle graduazioni 100, 160 e 240. La scala graduata, suddivisa in quattro settori, è scandita dai vari intervalli variabili: 5, 10, 20 o 40 km/h tra una tacca rossa e l’altra. Questo layout facilita la lettura quando si rileva la velocità media e contribuisce al dinamismo estetico e all’armonia del quadrante.

—–

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram.

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social. Vi invitiamo a seguire Quotidianomotori.com su Google News, ma anche su FlipboardFacebookTwitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.