Tag Heuer Monza Flyback Chronometer: la nuova interpretazione in carbonio

Caterina Di Iorgi
19/01/2023

Tag Heuer Monza Flyback Chronometer: la nuova interpretazione in carbonio

Tag Heuer Monza Flyback Chronometer: tra i segnatempo più significativi in oltre 160 anni di storia della manifattura orologiera di lusso svizzera, il TAG Heuer Monza ritorna in un tributo contemporaneo all’indelebile legame tra l’azienda e il mondo delle gare degli sport motoristici. Il TAG Heuer Monza del 2023 è una reinterpretazione molto speciale del suo famoso predecessore, in cui l’inconfondibile spirito agonistico prende vita in uno stile del tutto audace e decisamente moderno, con l’esperienza più avanzata di Tag Heuer che si mostra nel design del quadrante e nelle prestazioni di cronometraggio.

Tag Heuer Monza Flyback Chronometer: il video

Tag Heuer Monza Flyback Chronometer: caratteristiche

Tag Heuer Monza Flyback Chronometer

Il nuovo cronometro flyback Tag Heuer Monza è un’edizione speciale che sfoggia una cassa da 42 mm, realizzata in carbonio ultra-leggero e resistente. Lo straordinario quadrante nero presenta una disposizione a due registri con un contatore cronografico in vetro zaffiro blu fumé traslucido a ore 3 e l’indicatore dei secondi permanenti a ore 6.

Lo straordinario quadrante scheletrato rivela il movimento sottostante e richiama le radici meccaniche del modello. A ore 9, il datario è di colore blu luminescente, la prima volta per TAG Heuer, mentre gli indici laccati blu e le lancette delle ore e dei minuti laccate bianche e nere sono arricchite dal rivestimento in SuperLumiNova, per un’ottima leggibilità anche in condizioni di scarsa luminosità.

Offrendo un’alta precisione e delle elevate prestazioni di cronometraggio, il cronometro flyback TAG Heuer Monza è alimentato dal Calibre Heuer 02 Flyback sviluppato internamente, un movimento cronografico certificato COSC. Il grande vantaggio della funzione flyback è la possibilità di azzerare il cronografo senza doverlo fermare, avvalendosi dei pulsanti neri in acciaio con trattamento DLC. Una caratteristica finora disponibile esclusivamente per il Tag Heuer Autavia nella collezione contemporanea e che permette un cronometraggio ancora più veloce e preciso.

Un cronografo da corsa in azione

L’orologio offre tre funzioni essenziali per un pilota di corse nel bel mezzo della gara: un cronografo, una scala tachimetrica che indica la velocità media per un chilometro o un miglio di distanza, misurata grazie all’indicatore sul réhaut nero, e infine un cardiofrequenzimetro, per calcolare i battiti cardiaci al minuto. Questa funzione viene utilizzata basandosi sulla linea blu presente nella sezione in alto a destra del quadrante, calibrata sui 15 battiti al minuto.

L’utente deve avviare il cronografo e contare 15 pulsazioni cardiache. Ottiene così il proprio risultato personale, una volta fermato il cronografo. Il cardiofrequenzimetro va da un minimo di 60 a un massimo di 200 pulsazioni al minuto. I dettagli rossi sul quadrante, nello specifico le lancette dei sotto-contatori e il bordo del datario, ricordano immediatamente il mondo emozionante delle corse e il battito del cuore.

Creano un elegante contrasto con lo sfondo nero del quadrante e della cassa nonché con il blu acceso degli indici, della lancetta dei secondi e delle cuciture sul cinturino in tessuto appositamente concepito.

—–

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram.

Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche sui social come FacebookTwitter, PinterestInstagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.