Arc Vector EV è la Tesla delle moto elettriche

Claudio Ferrari
12/08/2022

Arc Vector EV è la Tesla delle moto elettriche

Arc Vector EV aveva debuttato ad EICMA Milano nel 2018 con la benedizione di Jaguar Land Rover. Arc l’aveva presentata come la moto a zero emissioni più “premium”, avanzata e personalizzata che il mondo avesse mai visto e, sebbene non l’abbia definita la Tesla delle moto elettriche, ciò non ha impedito di paragonare la due ruote alle auto elettriche di Elon Musk.

Dopo essersi ripresa da alcuni problemi finanziari del 2019, Arc ha annunciato di essere finalmente pronta a rilasciare i primi dieci prototipi Vector Angel Edition (AE) in edizione limitata a dieci clienti. Ciascun destinatario potrà inoltre partecipare a un programma AE unico nella vita per sviluppare il sistema Arc HMI proprietario della casa.

Il sistema HMI Arc comprende il casco Arc Zenith e la giacca corazzata Arc Origin. Il casco Zenith non ha nulla a che fare con i tradizionali caschi. È dotato di connettività Wi-Fi, attivazione vocale e di un display heads-up (HUD) integrato che mostra la velocità, il navigatore satellitare e i dati della telecamera posteriore standard del casco. Il feed video live dell’HUD mostra anche la posizione e la velocità degli altri veicoli sulla strada. Il casco Arc Zenith funge anche da chiave wireless e attiva la funzione di avviamento senza chiave di Vector mentre si è seduti.

Arc Vector

Una volta che i dieci clienti avranno ricevuto le loro motociclette elettriche Vector Angel Edition, ognuno di loro sarà sottoposto a un programma di test per avere la precedenza sul sistema HMI di Arc su circuiti negli Stati Uniti e nel Regno Unito. Successivamente, Arc aggiornerà ogni Angel Edition con versioni beta del sistema HMI che proprio i primi i dieci clienti potranno testare su strade pubbliche. Una mossa che sembra proprio una furbata, perchè la maggior parte di noi non vorrebbe pagare per fare i tester.

Il design futuristico e accattivante della Arc Vector Angel Edition non manca certo di dettagli esotici e, sebbene le startup con moto dall’aspetto bizzarro non siano poi così rare di questi tempi, probabilmente non verrà scambiata per nessun’altra moto in circolazione.

Arc Vector

La maggior parte del clamore, tuttavia, si concentra su quella che Arc definisce la sua “rivoluzionaria interfaccia uomo-macchina” o HMI, un sistema che migliora l’esperienza di guida collegando il pilota alla moto e all’ambiente circostante grazie a un casco hi-tech e all’abbigliamento da guida abbinato.

Arc aggiunge che il programma AE durerà circa due anni dopo che i clienti avranno consegnato le loro Angel Edition Vector. Nel frattempo, Arc inizierà a offrire il sistema HMI su tutta la sua gamma di moto nello stesso periodo, tra il 2024 e l’inizio del 2025. La strada da percorrere è ancora lunga, ma d’altra parte lo sviluppo di un nuovo veicolo per la produzione è qualcosa che ha confuso molte startup ambiziose fino ad oggi.

Ispirato alle moto café racer inglesi d’epoca, il look dell’Arc Vector è un mix eclettico di materiali dell’era spaziale. Ha un’architettura in composito di carbonio e una monoscocca del modulo batteria su misura che, secondo Arc, sono abbastanza rigidi per le gare di MotoGP. Ha bracci oscillanti in carbonio davanti e dietro sospesi da ammortizzatori Ohlins su misura e freni Brembo ad alte prestazioni. Il tutto pesa non più di 220 kg, il che, secondo il produttore, rappresenta il miglior rapporto peso-potenza di qualsiasi altra moto elettrica.

Arc non ha ancora reso note le specifiche ufficiali del motore, ma ha rivelato alcuni numeri interessanti. L’azienda ha dichiarato che Vector è in grado di passare da 0 a 100 km/h in meno di 3,1 secondi e ha una velocità massima di 200 km/h. La batteria Samsung da 16,8 kWh consente un’autonomia di 320 km in città e di circa 200 km in autostrada.
Arco

L’Arc Vector Angel Edition e la partecipazione all’AE HMI Program costano 135.000 dollari. Si tratta certamente di una cifra elevata per una moto elettrica, soprattutto quando marchi più noti possono metterla in strada per una frazione di questa cifra, ma non è difficile immaginare che per alcuni lo stile, i materiali e gli accessori hi-tech ne valgano la pena.

—–

Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche sui social come FacebookTwitter, PinterestInstagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.

telegram