Peugeot 5008 Restyling: recensione con prova su strada

30 gennaio 2021 - 11:00
Lunghezza
4,6m
Bagagliaio
166/780/1940 litri
Consumi
4,5 l /100 km

Con il restyling di Peugeot 3008, che abbiamo già provato qui,  è arrivato anche quello della sorella più lunga. La nuova Peugeot 5008 Restyling introduce quindi il nuovo frontale, più moderno e accattivante, senza rinunciare alle sue principali caratteristiche di versatilità, spazio e comodità nei lunghi viaggi. Ecco che cosa posso raccontare dopo il mio primo contatto con la nuova ammiraglia del Leone.

Peugeot 5008 Restyling: me la consigli?

La 5008 non è un’auto per tutti, ma è un’auto per un target specifico. Lunga, ingombrante, spaziosa, te la consiglio se hai bisogno di tanto spazio. Prima di tutto a livello familiare, visti i 7 posti di serie che tornano sempre comodo. E poi per lavoro o passione, perché i 7 posti possono diventare 5 o anche 2, con un vano di carico davvero impressionante dove poter posizionare oggetti anche molto ingombranti: quadri, scenografie, scatoloni, mobili di varie dimensioni, strumentazione musicale, trovano nella 5008 una delle migliori auto per poter essere trasportati. Ma te la consiglio anche se, come me, sei uno spilungone: sia davanti che nella seconda fila di sedili, lo spazio è tanto, per dei viaggi letteralmente premium.

Pro

  • Spazio a bordo
  • Motore silenzioso ed efficiente
  • Tanta versatilità

Contro

  • Forma un po' troppo squadrata
  • Visibilità Posteriore
  • Troppi tasti infotainment

Peugeot 5008 Restyling: design votato allo spazio

Non mi soffermerò molto a parlare del design di 5008, in quanto gli stilemi e la filosofia che lo riguardano sono gli stessi visti per la 3008, vettura con cui condivide pianale, estetica e la maggior parte delle componenti. Ritroviamo anche qui i fari con l’artiglio felino, che contraddistinguono tutte le nuove Peugeot, e la nuova calandra senza cornici e con listelli di diverse dimensioni, che creano un bell’effetto ottico e sviluppano l’auto in larghezza. Il posteriore è la parte che cambia meno: sostanzialmente, i fari sono più scuri e gli artigli rossi hanno la nuova tecnologia 3D LED che migliora la visibilità. Tutte le versioni, anche quelle base, hanno fari full LED di serie.

Il profilo di Peugeot 5008 Restyling è lo stesso della versione precedente: rispetto all’eleganza della 3008, i 20 centimetri in più di lunghezza sono espressi nella parte posteriore che non scende ma rimane dritta, creando una sorta di parallelepipedo che agli occhi appare un po’ tozzo, strano. Una scelta non tanto estetica, quanto pratica, perché serve a rendere l’abitabilità della terza fila di sedili il più confortevole possibile. Inoltre, anche abbattendo gli ultimi due sedili, la maggiore altezza e linearità del tetto aiuta molto le operazioni di carico degli oggetti, e in generale la forma squadrata permette di sfruttare al massimo tutta la capacità.

Stiamo parlando di una delle migliori vetture per quanto riguarda i volumi di carico: se è vero che con tutti e 7 i sedili in piedi il bagagliaio si riduce a 166 litri, già abbassando gli ultimi due la capacità aumenta in modo esponenziale fino a 780, mentre togliendo anche la fila centrale i litri diventano addirittura 1940. Se poi si decide di inclinare anche il sedile del passeggero anteriore, l’utente ha a sua disposizione oltre 2000 litri di carico. Difficile trovare di meglio sul mercato, in veicoli che non siano furgoni. Di conseguenza, quindi, anche lo spazio per le persone è davvero al top: nella mia classifica riguardante le migliori auto per le persone alte, ho definito “eccellente” sia l’abitabilità anteriore che quella posteriore, perché in entrambi i casi io ho potuto addirittura stendere le gambe. Un’altra rarità, che permette di posizionare Peugeot 5008 Restyling ai vertici della categoria, per quanto riguarda il comfort di bordo.

A parte il maggiore spazio, comunque, gli interni della Peugeot 5008 Restyling sono gli stessi della 3008: sempre la configurazione iCockpit, col volante piccolo, anche in questo caso molto apprezzabile se si è alti. Il cruscotto è interamente digitale, e più largo, così come più largo è il display touch centrale in rapporto 21:9. Come sulla 3008, però, avrei preferito una disposizione diversa, perché messo a mo’ di tablet stona un po’ e quasi “rovina” una plancia altrimenti di ottima qualità. La pulsantiera sotto al display, coi tasti vintage, è in generale molto comoda, perché permette di raggiungere diverse funzioni in maniera rapida e immediata. Tuttavia, sommando quei tasti a quelli del tunnel centrale e del volante, forse sono un po’ troppi.

Peugeot 5008 Restyling: un motore silenzioso ed efficiente

Come ho detto, la 5008 rimane un’auto per i lunghi viaggi, di piacere e di lavoro. E quindi condivido la scelta di lasciare non una, ma ben due motorizzazioni diesel:

  • Blue HDI da 130 CV, sia manuale che automatico;
  • Blue HDI da 180 CV, solo automatico e versione da noi provata.

Non è presente l’brido plug-in, come sulla sorella minore: una scelta comprensibile, sia perché la batteria avrebbe impedito i 7 posti di serie; sia perché l’auto non ha vocazione cittadina, ma è pensata per i lunghi spostamenti.

Una delle prime cose che mi ha stupito è sicuramente quanto questo motore riesce ad essere silenzioso. E non parlo solo delle alte velocità, dove in generale il diesel si fa poco sentire. Parlo anche delle basse velocità, visto che ho avuto modo di provare la vettura anche in qualche tratto urbano. Sicuramente un ottimo lavoro è stato fatto per quanto riguarda l’insonorizzazione, e non ci sono dubbi: l’auto è massiccia, robusta, e nulla scricchiola. Si vede e si sente proprio la grande cura per l’assemblaggio e i materiali. Ma anche il motore è di per sé particolarmente silenzioso. Va da sé, naturalmente, che usando il piede pesante e spingendo quindi sull’acceleratore per fare delle partenze sprint, il motore un po’ entra. Ma questo mi sembra il minimo.

Su Peugeot 5008 Restyling abbiamo 3 modalità di guida: Eco, Normal e Sport. La prima punta tutto al risparmio, e riduce la risposta del pedale. La Sport è quella più estrema, che permette di sfruttare fin da subito tutta la coppia e i 180 CV del motore. Peccato solo che il cambio non sia sempre intelligente, e spesso porti il motore al massimo dei giri. Ma succede di rado e, in generale, non è un grande male.

Un motore potente, silenzioso ma anche straordinariamente efficiente. Peugeot dichiara una media di 4,5 litri ogni 100 km: consumi davvero ottimi, che qualcuno forse potrebbe non voler sentire visto che sono più bassi anche di alcune auto elettrificate. Ad ogni modo, senza essere polemici, questi dati riconfermano Peugeot 5008 Restyling come auto ottima e ideale per le lunghe percorrenze, vista la grande autonomia, il comfort di bordo, lo spazio e la versatilità. Anche il sound non è niente male!

Peugeot 5008 Restyling: allestimenti e prezzi

Peugeot 5008 Restyling è disponibile in 3 allestimenti + 3 relativi pack: Active, Active Pack, Allure, Allure Pack, GT e GT Pack. Noi abbiamo provato l’allestimento GT, con motore diesel da 180 CV e cambio automatico a 8 rapporti.

Per quanto riguarda i prezzi, si parte da 31.750 euro per l’allestimento Active con motore benzina PureTech Turbo da 130 CV e cambio manuale. La nostra versione, invece, parte da 37.150 euro, che diventano 47.850 aggiungendo anche tutti gli optional, come, tra gli altri, la vernice Blue Celebes, il Grip Pack per il controllo della trazione, il Cruise Control Adattivo e la retrocamera a 360° con sensori di parcheggio.

—–

Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche sui social come FacebookTwitter, PinterestInstagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.

 

 

Commenta per primo