Lockheed Martin X-59: jet supersonico senza boom

Un progetto ambizioso per un jet supersonico, che non creerà inquinamento acustico.

2 febbraio 2019 - 8:00

Lockheed Martin X-59 è un aereo supersonico e silenzioso, progettato insieme alla NASA che non è nuova a collaborazioni con industrie aeronautiche. Il Lockheed Martin X-59 per essere poco invasivo sotto il profilo dell’inquinamento acustico, dovrà avere una forma notevolmente affusolata e sistemi di controllo molto sofisticati. L’obiettivo ambizioso, è quello di poter superare il muro del suono, senza procurare il fragoroso boom sonico, fonte di inquinamento acustico e divieti di sorvolo, bensì generando al massimo il rumore prodotto dallo sportello della vostra auto quando lo chiudete.

Per raggiungere questo risultato è necessario disporre del massimo della tecnologia aeronautica attuale, e proprio in queste ore, l’annuncio da parte di Lockheed Martin di aver scelto per lo sviluppo dell’avionica del Lockheed Martin X-59, l’azienda Collins Aerospace. Il fatto di poter avere un velivolo supersonico silenzioso, permetterà di sorvolare anche zone abitate, senza restrizioni, facendo risparmiare tempo e denaro per i vettori che lo utilizzeranno. In particolare Collins si occuperà di realizzare un display primario touch screen per il controllo delle funzioni principali del velivolo, un head up display, un sistema di navigazione sintetica per agevolare il volo in condizioni di scarsa o nulla visibilità, i sistemi radio e gli apparati ed infine, i sensori di sorveglianza dell’ambiente circostante. Un lavoro imponente che vede impegnata l’azienda nel fornire l’anima al nuovo X-59.

Un’altra novità a bordo di questo aereo sarà rappresentata dal sistema di visone multi spettrale, chiamato EVS-3600, il quale, attraverso appositi sensori permetterà ai piloti di vedere chiaramente in qualsiasi condizione meteo usando un rivoluzionario sistema di elaborazione dell’immagine attraverso lo spettro infrarosso. Il primo volo del Lockheed Martin X-59 è atteso per il 2021 quando l’aeroplano sarà utilizzato dalla NASA proprio per studiare le possibilità offerte dalle nuove tecnologie nel ridurre l’impatto sonoro dei futuri aerei supersonici. Sarà possibile creare quindi dei nuovi standard utili in fase di progetto per i prossimi aerei commerciali con capacità supersoniche, che a quanto pare, costituiranno una buona fetta del trasporto aereo del futuro.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Roberto Parragué Singer e l’Isola di Pasqua

AW 139 Vigili del Fuoco entra in servizio

Posto a bordo: la gentilezza paga sempre