Zunum Aero ZA 10: l’ibrido che consuma la metà

Zunum Aero ZA 10 è un aereo ibrido che utilizza il motore di un elicottero prodotto da Safran. Consentirà un risparmio carubante fino al 50%.

1 maggio 2019 - 15:00

Arriva l’ibrido anche in aeronautica, e con Zunum Aero ZA 10 si risparmia la metà del carburante. Come funziona? Immaginate due batterie di grande capacità che alimentano due motori per un aereo. E adesso provate ad immaginare un motore convenzionale, in grado di generare corrente e alimentare anch’esso i propulsori di un aeroplano. Sembrerebbero due modi diversi per fornire energia e far volare un aereo moderno. Ma la Zunum Aero, un’azienda statunitense all’avanguardia nella realizzazione di velivoli elettrici, sta pensando a qualcosa che vada oltre.

Sì perché se si riuscisse ad integrare i due sistemi, si otterrebbe un aeroplano elettrico a propulsione ibrida. Una novità assoluta. Il progetto è già in fase di sviluppo ed il nuovo aereo si chiamerà Zunum Aero ZA 10, un bimotore che potrà trasportare 12 persone, e coprire una distanza di oltre 1000 Km, con una riduzione dei costi per volo di oltre il 60% rispetto ad un sistema propulsivo convenzionale.

Proprio in questi giorni Zunum Aero ha deciso quale sarà il motore che fornirà l’energia per questo particolare progetto e, la scelta, è caduta sull’Ardiden 3, un motore da elicottero prodotto da Safran Helicopter Engines. Il motore adeguatamente modificato arriverà a fornire fino a 500 kW di energia, una quantità più che sufficiente per sopperire alle necessità dello Zunum Aero ZA 10.

Durante le fasi in cui i piloti dovessero avere bisogno di molta potenza potranno usare l’energia fornita dall’Ardiden, mentre durante la crociera o la discesa, le batterie da sole saranno la fonte ideale per continuare a sospingere l’aereo verso la propria destinazione. È facile intuire la versatilità di questo sistema e le opportunità di risparmio, visto che, ad esempio, una semplice stima ha fatto notare che la quantità di carburante necessaria per il volo, sarebbe meno della metà di ciò che servirebbe oggi su un velivolo tradizionale di pari prestazioni.

Il mercato guarda sicuramente con interesse riguardo le possibilità offerte dalle nuove tecnologie elettriche che, anno per anno, diventano sempre più performanti e affidabili. Per questo motivo Zunum Aero sarà impegnata fino a tutto il 2019 nei test e nella realizzazione di questo nuovo modello, sperando di arrivare alla certificazione nel 2020 e subito dopo alle prime consegne, verosimilmente nei primi mesi del 2021. Non ci resta che aspettare, e a dire il vero, neanche poi così tanto.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

migflug mig 29

Migflug: noleggiare e volare su un aereo da caccia

fulmini aereo

I fulmini sono pericolosi per un aereo?

Volocopter

Volocopter: volo dimostrativo davanti al Museo Mercedes di Stoccarda