Audi S5: arriva il V6 3.0 TDI da 347 CV

Un diesel mild hybrid così, non si era mai visto

18 aprile 2019 - 14:00

Audi S5 per la prima volta sotto il cofano pulsa un motore V6 Diesel. Si tratta del V6 3.0 TDI da 347 CV e 700 Nm di coppia. Superfici ampie, spigoli marcati e un avvincente gioco di luci e ombre: il design di S5 riflette l’evoluto linguaggio stilistico della casa di Ingolstatd. La linea di spalla continua, che nel caso di Audi S5 Coupé ed Audi S5 Sportback segue il profilo dei passaruota, costituisce un richiamo alla trazione quattro di Audi.

L’ampio single frame è caratterizzato da doppi listelli in alluminio. I proiettori a LED sono di serie, mentre il paraurti anteriore ospita prese d’aria pentagonali con griglie a nido d’ape e fenditure laterali separate che convogliano parte dei flussi all’interno dei passaruota. Una soluzione che favorisce l’aerodinamica. Osservando le vetture lateralmente spiccano le calotte dei retrovisori laterali in look alluminio, le generose minigonne e lo spoiler al portellone. I gruppi ottici posteriori a LED con indicatori di direzione dinamici sono di serie. Al retrotreno, il paraurti ospita la griglia distintiva a nido d’ape, mentre l’estrattore in nero titanio opaco integra i doppi terminali di scarico cromati.

Anche l’abitacolo dei modelli S è caratterizzato da una marcata sportività. All’accensione delle vetture, il display MMI mostra una schermata di benvenuto che riproduce il logo S5. Lungo i battitacco illuminati, il volante sportivo multifunzionale plus rivestito in pelle e la cornice del selettore del cambio tiptronic spicca il logo S con losanga rossa. La pedaliera è in acciaio inox, mentre gli inserti decorativi sono in alluminio spazzolato opaco oppure, a richiesta, in carbonio.

Audi S5 con V6 3.0 TDI: coppia elevata e consumi contenuti

Il nuovo 3.0 TDI abbina potenza ed efficienza. Il sistema common rail inietta il carburante con pressioni fino a 2.500 bar, mentre albero motore, pistoni e bielle sono specifici e ad attrito ridotto. Il basamento e la testata possono contare su circuiti di raffreddamento separati, grazie ai quali il propulsore raggiunge rapidamente la temperatura d’esercizio ottimale dopo l’avviamento a freddo. Il flusso del liquido di raffreddamento, indirizzato verso il radiatore dell’olio, l’EAV, l’RSG e il turbocompressore, viene adattato in funzione delle esigenze.

Il grande turbocompressore a gas di scarico è corredato di una turbina a geometria variabile (VGT) e genera una pressione massima di sovralimentazione di 2,4 bar. Il sistema di ricircolo dei gas di scarico a bassa pressione (EGR) preleva i gas a valle del filtro antiparticolato, consentendo l’azionamento del turbo con la massima portata dei flussi, a vantaggio del rendimento della sovralimentazione.

Audi S5 e la tecnologia MHEV: recupero dell’energia e marcia per inerzia

Il sistema mild-hybrid a 48 Volt appannaggio di Audi S5 Coupé TDI ed Audi S5 Sportback TDI può ridurre i consumi nelle condizioni di marcia reali sino a un massimo di 0,4 l/100 km. Il cuore del sistema MHEV a 48 Volt è costituito da un alternatore-starter azionato a cinghia (RSG) collegato all’albero motore e da una batteria agli ioni di litio da 0,5 kWh collocata sotto il pianale del bagagliaio. In fase di decelerazione è possibile recuperare fino a 8 kW di potenza; questa energia viene immagazzinata nella batteria agli ioni di litio, da cui viene successivamente veicolata ai dispositivi integrati nella rete di bordo.

Se il conducente rilascia il pedale dell’acceleratore nel range di velocità compreso tra 55 e 160 km/h, in funzione del programma di marcia selezionato mediante l’Audi drive select e delle condizioni di guida, Audi S5 Coupé TDI ed S5 Sportback TDI possono recuperare energia, veleggiare o avanzare per inerzia a motore spento fino a un massimo di 40 secondi. Non appena viene premuto l’acceleratore, il motore viene riavviato dall’RSG in modo sensibilmente più rapido e confortevole rispetto a un motorino di avviamento tradizionale. Quest’ultimo è così utilizzato solamente per la prima messa in moto, quando l’olio motore, a bassa temperatura, richiede forze elevate. Grazie alla tecnologia MHEV, il sistema start/stop è attivo già a partire da 22 km/h. Nelle partenze da fermo il motore viene riacceso, anche qualora sia premuto il pedale del freno, non appena il veicolo dinanzi a S5 TDI si mette in movimento.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Fiat 500 nella flotta Delimobil, il car sharing russo

La concept car elettrica Cupra sarà svelata a Francoforte

Ventilatore solare auto per finestrino: i migliori, economici. Come funzionano