Auto a GPL che consumano meno, le migliori del 2020

Vogliamo scommettere che vi convinciamo a risparmiare?

21 gennaio 2020 - 7:00

Vi siete mai chiesti quali siano le migliori auto a gpl che consumano meno? Le auto a GPL hanno sicuri vantaggi, in termini di costi di carburante e quindi di ottimizzazione delle spese. Non è più infine vero che le auto a GPL abbiano prestazioni minori rispetto alle pari versioni a benzina, come accadeva fino a 20 anni fa.

Non vanno trascurate nemmeno le emissioni, sicuramente basse, che consentono di bypassare tutti i divieti legati a traffico limitato. Nel caso di Milano, l’assurdità è dover pagare il pedaggio per entrare nella famosa Area C ma si può entrare in Area B. L’utente però cerca spesso di verificare quali sono le auto a GPL che consumano meno, perché, se è vero che il risparmio su un pieno di carburante è garantito è altrettanto vero che il prezzo di acquisto e dei costi di manutenzione delle auto a GPL spesso sono superiori ai modelli a benzina o gasolio di pari caratteristiche.

 

Inoltre le auto a GPL (qui l’elenco completo) che consumano meno sono ricercate dai più attenti, in quanto è difficile che su piccole motorizzazioni si riesca a stare sotto i 13-14 chilometri al litro, un consumo effettivo che diventa anche maggiore nel caso di motorizzazioni GPL più grandi, dove in questi casi il consumo può anche arrivare a far percorrere “solo” 10-11 km con un litro.

Auto a GPL che consumano meno, la selezione

Vi proponiamo quindi una stretta selezione delle migliori auto a GPL, ovvero veicoli tra i più competitivi sulla questione consumi del panorama automotive che potete trovare attualmente sul mercato. Auto per auto elenchiamo consumo medio, caratteristiche del motore ed i prezzi dei vari allestimenti che le case automobilistiche propongono per i loro modelli con propulsori bifuel benzina/GPL. Entra nel nostro elenco 2020 la novità Kia Sportage GPL: un SUV di successo che meritava una versione BiFuel. Cliccando sul nome del modello, troverete la scheda dedicata.

—–

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguiteci su Facebook, Twitter, Instagram e Flipboard. Non esitate ad inviarci le vostre opinioni e le vostre segnalazioni commentando i nostri post.

 

Commenta per primo