Quanto costa ricaricare un’auto elettrica? Le tariffe di aprile 2022

Robin Grant
30/03/2022

Quanto costa ricaricare un’auto elettrica? Le tariffe di aprile 2022

Quanto costa ricaricare un’auto elettrica è la domanda che si fanno tutti quando pensano al suo acquisto. L’incremento della mobilità elettrica infatti, fa sì che sempre più persone si stiano approcciando al piuttosto complesso mondo della ricarica elettrica.

Sicuramente lo sviluppo dell’auto elettrica è frenato da tanti gestori, spesso incompatibili tra loro, che “obbligano” a sottoscrivere ogni volta un contratto nuovo, a scaricare un’app e, ovviamente, presentano costi di ricarica diversa. A questo si aggiungono anche le diverse potenze di ricarica, che aumentano o diminuiscono il prezzo. Quel che è certo, è che tutti hanno tariffe in “€/kWh“, esattamente come la benzina e il diesel sono in €/litro. Cerchiamo di saperne di più.

Quanto costa ricaricare un’auto elettrica in base alla batteria e dalla potenza

Iniziamo subito col dire che per calcolare quanto costa ricaricare un’auto elettrica dobbiamo sapere il tupo di vettura elettrica o ibrida plug-in che si possiede. Si badi bene che è un discorso che vale anche per le auto endotermiche, che hanno serbatoi più o meno capienti, i quali possono essere, di conseguenza, più o meno costosi da riempire. Ma su queste vetture ci sono diversi standard basici, che coprono più la tipologia di auto in sé, che il modello.

Auto elettriche in arrivo

Sulle elettriche il discorso è diverso: ci sono BEV come la Dacia Spring, con pacco batteria da 27,4 kWh; soluzioni intermedie come la Fiat 500e, che, a parte la base di gamma, ha batteria da 42 kWh; e poi vetture con batterie importanti, come la Hyundai Ioniq 5 o Kia EV6 che arrivano a 72,5 kWh, o ancora la BMW iX che supera i 100 kWh. È evidente, quindi, che ricaricare una Dacia Spring non comporta costi particolarmente alti, mentre ricaricare auto elettriche ad alta autonomia rende più sottili, a volte nulle, le differenze con un pieno di benzina.

Tipi diversi di colonnina, costi diversi di ricarica

L’altro fattore da non dimenticare per calcolare quanto costa ricaricare un’auto elettrica è la tipologia e quindi la potenza della colonnina. Ricaricare a una Wallbox domestica, o a un impianto, ovviamente presenta i costi più bassi, visto che si sta tra i 3 e i 7 kW di potenza.

Nuova Hyundai Ioniq 5

Seguono le cosiddette colonnine “Quick” (a Corrente Alternata AC), da 11 o 22 kW (in Italia sono il 95% delle infrastrutture), con costi ancora relativamente bassi. E poi ci sono le Fast e Ultra-Fast (A Corrente Continua DC), con potenze da 45 fino a oltre 300 kW che, invece, hanno costi importanti.

I costi di ricarica dei diversi operatori

Dalla Kia eSoul, la prima auto elettrica che ho guidato in modo continuativo e approfondito, ho avuto modo di entrare in questo variegato “marasma” di operatori differenti. E soprattutto da quando ho comprato la mia Fiat 500e li uso settimanalmente, in modo continuativo.

Nella tabella qui sotto trovate le tariffe di quelli che sono i gestori più diffusi, e che io uso più spesso. Ma visti i miei non rari spostamenti, nei prossimi mesi se ne aggiungeranno altri per calcolare bene quanto costa ricaricare un‘auto elettrica.

Le tariffe sono aggiornate al 31 Marzo 2022, pochi giorni dopo l’inevitabile aumento delle tariffe dei principali gestori. Enel X, per esempio, ha visto un rialzo della ricarica in AC da 0,40 € / kWh a 0,58 €/kWh, quasi 20 centesimi in più, che sembrano pochi ma portano ad un aumento dei costi superiore da 5 a oltre 10 euro a seconda della capacità della batteria.

Va detto che il rialzo ha toccato quasi esclusivamente le colonnine più lente da 22 o 50 kW, mentre quelle più potenti sono rimaste invariate a 0,79 €/kWh.

Quanto costa il pieno di ricarica di un’auto elettrica?

Per capire il costi di ricarica per un “pieno”, riprendiamo i tre esempi di prima, Dacia Spring, Fiat 500e e Hyundai Ioniq 5, e poniamo di dover passare dallo 0 al 100%:

Sulla Spring, una ricarica completa in AC da Enel X il massimo che si può spendere è € 15,89 (con la precedente tariffa era 10,26).

Sulla 500e, seguendo gli stessi esempi la ricarica costa un massimo di € 24,36  (in precedenza: € 16,80), in DC fino a 100 kW € 28,56 (prima era € 21,00) e alle più potenti Ionity € 33,18.

Sulla Ioniq 5, sempre tenendo conto degli stessi esempi, i prezzi sono di € 42,05 (prima era € 29,00), € 49,3 (prima era € 36,25) e € 57,27.

—–

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram. Vi invitiamo a seguirci anche su Google News cliccate qui sotto per l’iscrizione gratuita!

google news