Distrutta la nuova autopompa elettrica dei vigili del fuoco di Berlino da 1,8 mln €

Gianluca Pezzi
11/12/2022

Distrutta la nuova autopompa elettrica dei vigili del fuoco di Berlino da 1,8 mln €

E’ durata poco la vita della prima autopompa elettrica al mondo, in servizio presso i vigili del fuoco di Berlino, speronata ed abbattuta da un’auto appartenente a un diplomatico cinese.

Secondo quanto riferito dalla polizia, l’autopompa di ultima generazione stava viaggiando con luci blu e sirena accesa per una operazione di soccorso. Durante l’avvicinamento al luogo dell’emergenza, ha attraversato l’incrocio con il semaforo rosso e si è scontrata con un’auto diplomatica proveniente da destra.

Una bambina di sei anni seduta nell’auto è stata portata in ospedale per essere ricoverata con un sospetto trauma cranio-cerebrale. Il conducente dell’auto e quello dell’autopompa sono rimasti illesi. Il co-pilota dell’autopompa, ha invece riportato lievi ferite alla schiena ed è stato portato al pronto soccorso. I suoi colleghi se la sono cavata con qualche graffio.

Per quanto riguarda il mezzo, è in fase di sperimentazione dalla fine del 2020. Doveva essere il fiore all’occhiello del compartimento, in grado di viaggiare fino a un’ora e mezza con la sola alimentazione a batteria. Viene usata l’elettricità anche per lo spegnimento degli incendi, comprese le pompe che generano l’alta pressione per l’acqua. La batteria viene ricaricata durante il periodo di standby presso la stazione dei vigili del fuoco tramite un sistema di ricarica rapida. Il veicolo è comunque dotato di un motore diesel che genera l’elettricità necessaria durante le lunghe operazioni.

Il costo dell’autopompa nuova è stato di 1,8 milioni di euro. Adesso è tutto da vedere a quanto ammonterà il conto per le sue riparazioni. L’autopompa completamente elettrica (eLHF) è stata danneggiata nella parte anteriore e laterale con danni considerevoli e non si sa quando potrà essere riparata. L’unica cosa certa è che fino al termine della riparazione, l’ “eLHF” non potrà essere operativo.

—–

Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche sui social come FacebookTwitter, PinterestInstagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.

telegram