Benzinaio sbaglia il prezzo della benzina a 0,014 €, furbetto fa il pieno alla cisterna da 1000 litri

Redazione
21/08/2022

Un addetto alla pompa di benzina sbaglia ed imposta il prezzo a 0,014 euro al litro, ed ecco che subito qualcuno ne approfitta e fa il pieno ad una cisterna da 1.000 litri. No, non siamo in Italia ma nella “civilissima” Finlandia.

Si, immaginate di poter fare il pieno di benzina alla vostra auto o alla vostra moto a meno di 1 euro. Un sogno praticamente impossibile. Eppure gli automobilisti finlandesi possono dire di aver avuto questa fortuna per qualche ora nella notte, quando a Turku ben tre stazioni di servizio dell’azienda petrolifera statale ABC hanno offerto un litro di benzina senza piombo a soli 0,014 euro. Un errore incredibile che non è passato inosservato.

Gli abitanti della ex capitale finlandese, che si trova a circa 180 km da Helsinki, hanno iniziato a diffondere la notizia attraverso i gruppi social ed alcuni hanno subito approfittato del prezzo stracciato proposto per errore dalle pompe di rifornimento. A quanto pare un ragazzo di 27 anni è arrivato con la sua BMW Serie 7 e un bagagliaio pieno di taniche di benzina. In pochi minuti avrebbe fatto il pieno di 200 litri di SP95 per soli 2 euro.

Poteva bastare? No, perchè qualcuno ha deciso di tentare un colpo ancora più grosso utilizzando un pick up su cui ha caricato una cisterna da riempire fino all’orlo.Il risultato finale? Una spesa di 14 euro per 1.000 litri di carburante, una quantità che normalmente si sarebbe pagata oltre 2.000 euro. A quel punto la notizia si è diffusa tra tutti gli abitanti di Turku e si sono formate lunghe code ai tre distributori che hanno insospettito i gestori.

Dopo qualche ora anche ABC si è resa conto di quanto stava accadendo, non dopo aver perso migliaia di euro. “È stato un errore umano e di sistema”, ha ammesso un funzionario della ABC al quotidiano finlandese Ilta-Sanomat. “Rispetto a una notte normale, sono stati riforniti migliaia di litri in più. Almeno abbiamo avuto clienti soddisfatti… Speriamo che vengano anche da noi durante il normale orario di servizio!”.

Sebbene non sia la prima volta che accade un errore simile, in questo caso il rappresentante della compagnia petrolifera ha poi ammesso che non verrà richiesto alcun risarcimento agli automobilisti. Beati loro!

—–

Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche sui social come FacebookTwitter, PinterestInstagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.

telegram