multe a rate

Come pagare una multa a rate: requisiti, interessi, come fare

Come si paga la multa a rate: richiesta, tempistiche e importi.

27 agosto 2021 - 13:00

La legge italiana prevede la possibilità di pagare una multa a rate, dividendo la sanzione amministrativa. Ci sono alcuni condizioni da rispettare, che è bene controllare preventivamente per evitare di peggiorare la propria posizione. Da tenere presente infine che, come per qualsiasi rateizzazione, vengono applicati gli interessi.

Indice

Cosa succede quando non si paga
I requisiti per pagare una multa a rate
Come si pagano le multe a rate
Importi della rata

 

Cosa succede se non si paga la multa?

Una volta notificata, non c’è scampo. Per chi non paga le multe entro 60 giorni, per prima cosa c’è l’aumento dell’importo della contravvenzione. Vengono infatti applicati interessi e more con un aumento del 10% per ogni 6 mesi di ritardo.

Se non arriva il pagamento, entra in gioco l’Agenzia delle Entrate che invia un sollecito di pagamento nel quale viene riportato l’importo della contravvenzione più l’applicazione di interessi e more. Dopo 60 giorni da questa notifica, se non viene saldato il dovuto si può arrivare al fermo dell’auto ma anche il pignoramento presso terzi. In estrema sintesi di tratta di una trattenuta sullo stipendio o sulla pensione che può arrivare fino ad un quinto dell’importo totale.

 

Multa a rate: i requisiti

Andiamo a vedere subito quali sono le condizioni stabilite dall’articolo 202-bis del Codice della Strada.

  • la multa è deve essere importo superiore a 200 euro
  • il proprio reddito imponibile non deve superare i 10.628,16 euro. Se l’interessato convive con il coniuge o con altri familiari, il limite viene alzato di 1.032,91 euro per ogni familiare convivente
  • la multa deve essere riferita a un unico verbale e quindi non è possibile rateizzare l’importo totale di diverse multe
  • la multa non deve essere già stata impugnata davanti al giudice di pace o al Prefetto

 

Come pagare le multe a rate?

Il termine per la richiesta di rateizzazione è di trenta giorni dalla contestazione o notifica della sanzione. Attenzione a non sbagliare: il termine di sessanta giorni vale invece per la contestazione della sanzione.

A chi inviare la richiesta:

  • se il verbale è stato redatto dalla Polizia di Stato, la richiesta deve essere inviata al Prefetto
  • se il verbale è stato redatto dalla Polizia locale la richiesta dovrà essere inviata al Presidente della Giunta regionale, provinciale o al Sindaco

La risposta arriverà con un tempo massimo di 90 giorni quindi:

  • se la richiesta è rigettata si avranno 30 giorni dallo scadere del termine di 90 giorni per pagare l’intero importo della sanzione
  • se la richiesta è accolta verrà indicato l’importo e il numero delle rate che viene deciso in base all’entità della multa ed alle condizioni economiche del trasgressore.

 

Quanto può essere l’importo della rata

Ogni rata non può essere inferiore a 100 euro, la rateizzazione può avvenire con questi criteri:

  • massimo 12 rate per multe da 200 a 2.000 euro
  • massimo 24 rate per multe da 2.000 a 5.000 euro
  • massimo 60 rate per multe superiori a 5.000 euro

Nel caso in cui non venga pagata la prima rata o comunque di due rate, decade il beneficio della rateazione. Le somme rimanenti saranno riscosse coattivamente in un’unica soluzione.

 

 

—–

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram.

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social. Vi invitiamo a seguirci su Google News, ma anche su FlipboardFacebookTwitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Amazon Echo Auto in Italia

Amazon ha davvero smesso di credere nelle automobili?

Applicazioni Android Auto

Le migliori applicazioni per Android Auto gratis

Skoda Kamiq Monte Carlo

Skoda Kamiq G-tec: il SUV a metano