Nella folle drag race si sfidano Citroën AMI, Mahindra e2o e Sinclair C5!

Mario Roth
23/06/2022

Nella folle drag race si sfidano Citroën AMI, Mahindra e2o e Sinclair C5!

Ed ecco la “drag race delle drag race”: una Citroën Ami che sfida la Mahindra e2o ed una Sinclair C5. Quando si pensa a una gara di accelerazione, è logico immaginare che protagoniste con potenze stratosferiche. In questa occasione non è così, perché i modelli che si sono riuniti in questa gara non sono nemmeno dei veicoli: il più potente ha 42 CV e raggiunge una velocità massima di 101 km/h.

Il canale YouTube “What Car?” ha portato in pista questi tre “razzi”. Vediamo quali sono i mezzi che, almeno per ora, non hanno raggiunto l’obiettivo di rivoluzionare l’industria automobilistica con le loro proposte uniche.

La produzione della Mahindra e2o è durata poco più di un anno: tredici mesi per la precisione. Il suo lancio è avvenuto nel 2016 e il suo prezzo l’ha messa fuori gioco fin da subito: costava 15.120 euro, secondo il cambio attuale, ed ovviamente per quella cifra era possibile accedere a un’auto “vera”. Aveva un motore da 42 CV che poteva raggiungere una velocità massima di 101 km/h.

Il Sinclair C5, invece, era un veicolo con un approccio diverso al trasporto urbano: non era un quadriciclo, ma un triciclo che poteva muoversi grazie al motore elettrico simile a quello di una lavatrice o grazie ai pedali. Aveva un’autonomia fino a 32 chilometri e una velocità massima di 24 km/h. Il prezzo era di circa 465 euro.

drag race

Citroën AMI è invece un quadriciclo leggero che può essere guidato a partire dai 16 anni con la patente AM. Lunga 2,41 metri e larga 1,39 metri, questa biposto è alimentata da un motore elettrico da 8,2 CV e può raggiungere una velocità massima di 45 km/h. La sua batteria agli ioni di litio ha una capacità di 5,5 kWh con una autonomia massima di 75 km e può essere ricaricata completamente in tre ore collegandosi a una presa di corrente standard da 220V.

Ed ora la domanda: chi dei tre taglierà per primo il traguardo? Basta premere play per scoprirlo.

—–

Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche sui social come FacebookTwitter, PinterestInstagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.

telegram