Esame patente truccato con microcamere e auricolari, denunciati in tre.

Claudio Ferrari
02/12/2022

Esame patente truccato con microcamere e auricolari, denunciati in tre.

Ci risiamo, con i soliti “furbetti” che tentano di passare l’esame della patente di guida grazie a microcamere, modem, auricolari e tablet. Una fatica inutile, tanto che sono stati beccati e denunciati in tre a Cagliari.

Probabilmente farebbero tutti prima a mettersi a studiare, anche perchè i sistemi per truffare la motorizzazione sono sempre più sofisticati, ma sembrano servire a ben poco. In questo caso ovviamente la prova è stata annullata ed i tre sono stati denunciati dalla Polizia per “presentazione di lavori opera di altri”, con il rischio di tre anni di reclusione.

Si tratta di due cittadini cinesi residenti a Cagliari, ed un tecnico informatico nella veste di “suggeritore” anch’esso del capoluogo sardo. Appena finito di sostenere i quiz nella sede della Motorizzazione civile di Cagliari, sono stati tutti bloccati dagli uomini della Sezione Criminalità Diffusa della Squadra Mobile della Polizia.

Secondo gli accertamenti, i due cinesi con scarsa conoscenza dell’italiano riprendevano con una microcamera nascosta la scheda con le domande, le cui risposte venivano inviate dal complice grazie un auricolare connesso a un mini-modem. La microcamera e il modem erano stati nascoste sotto la camicia e fissati al corpo tramite una fascia elastica.

Il tecnico informatico è stato poi scovato dalla Polizia fuori dalla sede presso la quale dove si svolgevano le prove. Si trovava seduto in automobile mentre cercava le soluzioni dei quiz della partente di guida su internet usando un tablet.

Per la cronaca, solo uno dei due uomini era riuscito a superare positivamente l’esame. Nonostante nonostante i suggerimenti esterni, il secondo era stato infatti bocciato.

—–

Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche sui social come FacebookTwitter, PinterestInstagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.

telegram