Free2move compra Share Now: cosa cambierà per l’utente?

Free2move ha annunciato l'acquisizione di Share Now diventando il principale operatore di car sharing in Europa, ecco cosa cambierà

3 maggio 2022 - 12:00

Free2move, società di noleggio del gruppo Stellantis, ha annunciato l’acquisizione di Share Now, joint venture nata nel 2019 tra BMW e Mercedes che a loro volta avevano fuso le rispettive Car2go e Drive Now. Non ci sono ancora dettagli finanziari riguardanti l’operazione, anche se alcune indiscrezioni parlano di una cifra inferiore a 100 milioni di euro.

Con questa acquisizione, il servizio di car sharing di Free2move, al momento presente in Europa a Parigi e Madrid, e negli Stati Uniti in città come Washington, Austin e Portland, arriverà in 14 nuove città europee, tra cui Milano, Roma e Torino, ampliando il suo bacino utenti da 2 a 5,4 milioni.

Cosa cambia ora che Free2move ha acquisito Share Now

Al momento, Free2move ha annunciato l’acquisizione della società di car sharing tedesca, ma dovranno essere avviate tutte le pratiche e l’operazione dovrà essere approvata dalle istituzioni antitrust. La manovra era comunque nell’aria, considerando che già in alcune città europee, come Copenhagen, Share Now aveva in flotta non più e non solo auto BMW e Mercedes, ma anche e soprattutto Peugeot 208 e Fiat 500 elettrica. Anche a Milano, di recente, l’azienda ha introdotto questi modelli.

L’acquisizione di Share Now da parte di Free2move aggiungerà quindi le oltre 10.000 vetture dell’azienda tedesca alle 2.500 del car sharing di Free2move (che in totale dispone di una flotta di 450.000 veicoli), e adeguerà le tariffe a quelle del colosso francese. Free2move è una società di noleggio già presente in Italia con offerte a breve, medio e lungo termine che negli anni si è differenziata dalle altre per la possibilità dell’utente di noleggiare la vettura da pochi minuti a poche ore, aumentando la durata senza dover cambiare il contratto né la vettura: l’applicazione calcola in automatico i nuovi costi.

È probabile, quindi, che gli utenti di Share Now vedranno mantenuto il loro account, con però un cambiamento di tariffe e abbonamenti una volta che l’acquisizione sarà terminata.

Il principale operatore in Europa

L’acquisizione di Share Now rende Free2move il principale operatore nel car sharing in Europa, considerando anche l’altra recente acquisizione della società, Opel Rent, che le dà accesso a molte aree della Germania.

L’operazione rientra nel piano industriale Dare Forward 2030 che prevede di migliorare le economie di scala e le sinergie, aumentando i ricavi netti a 700 milioni di euro nel 2025 e a 2,8 miliardi nel 2030.

—–

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram. Vi invitiamo a seguirci anche su Google News cliccate qui sotto per l’iscrizione gratuita!

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

filippo giustozzi

I pneumatici riciclati permettono di ottenere strade che durano il doppio

Lego Ferrari Daytona SP3

Lego Ferrari Daytona SP3: il nuovo set dal 1° giugno a € 399,99

Incentivi veicoli commerciali 2022: come ottenere il bonus