hyundai E-GMP

Le auto elettriche E-GMP Hyundai e Kia potranno ricaricarsi a vicenda

I modelli basati su E-GMP possono offrire autonomie di guida WLTP superiori ai 500 km con una sola carica, e possono essere ricaricati fino all’80% in 18 minuti.

3 dicembre 2020 - 10:00

Hyundai Motor Group  ha svelato la propria nuova piattaforma dedicata ai veicoli elettrici a batteria (BEV), chiamata “Electric-Global Modular PlatformE-GMP. La piattaforma sarà la tecnologia cardine per la gamma EV di prossima generazione di Hyundai e Kia. Dal 2021, E-GMP sarà alla base di una gamma di nuovi BEV tra cui IONIQ 5 di Hyundai, oltre al primo modello unicamente elettrico di Kia che verrà svelato nel 2021 e a una serie di altri futuri modelli.

E-GMP è stata sviluppata per offrire prestazioni migliorate in termini di performance e tenuta di strada ad alte velocità. Il motore elettrico ad alta velocità migliora le performance dei veicoli sviluppati su E-GMP. Comfort, tenuta e stabilità sono incrementate dalle sospensioni posteriori con sistema multilink a 5 punti – solitamente utilizzate su modelli di medie e grandi dimensioni – e dal primo Integrated Drive Axle (IDA) prodotto in serie al mondo, che combina in un’unica soluzione cuscinetti, ruote e albero di trasmissione per portare potenza alle ruote.

La piattaforma garantisce la sicurezza della batteria attraverso una struttura di supporto in acciaio ad altissima resistenza, irrigidita ulteriormente da elementi in acciaio stampato a caldo. Le forze derivanti dagli urti sono assorbite in maniera efficiente grazie a innovative strutture di assorbimento, efficaci percorsi di carico ed una sezione centrale del pacco batteria fissato al corpo vettura.

Il pacco batteria sarà il sistema con la densità di potenza più alta che Hyundai Motor Group abbia mai prodotto, anche grazie a una prestazione di raffreddamento migliorata raggiunta attraverso una nuova struttura con il blocco di raffreddamento separato che aiuta a tenere il pacco batteria più compatto. Con una densità di energia migliorata del 10% circa rispetto all’attuale tecnologia per batterie EV, i pacchi batteria sono più leggeri, possono essere installati più in basso e liberano più spazio all’interno dell’abitacolo.

Un veicolo elettrico basato sulla E-GMP è capace di un’autonomia di guida di oltre 500 km con una ricarica completa, secondo lo standard WLTP. Inoltre, la piattaforma permette una ricarica rapida della batteria all’80% in soli 18 minuti ed è capace di aggiungere fino a 100 chilometri di autonomia in soli cinque minuti.

Diversamente dalle precedenti BEV, compatibili solo con la carica monodirezionalmente, il sistema di ricarica di E-GMP è più flessibile. La recentemente progettata Integrated Charging Control Unit (ICCU) rappresenta un’evoluzione rispetto agli attuali On-Board Charger (OBC), che tipicamente consentono il flusso di energia da una fonte di energie esterna in una sola direzione. La ICCU apre la strada a una nuova funzione vehicle-to-load (V2L), capace anche di scaricare energia dalla batteria del veicolo senza componenti aggiuntive. Questa tecnologia permette alle auto basate sulla piattaforma E-GMP di fornire corrente per altre apparecchiature elettriche (110/220V) in qualsiasi luogo. Il sistema può essere usato perfino per ricaricare un altro veicolo elettrico.

La funzione V2L può fornire fino a 3,5 kW di potenza, e può quindi far funzionare un condizionatore di medie dimensioni e un televisore da 55’’ fino a 24 ore.

 

—–

Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche sui social come FacebookTwitter, PinterestInstagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

PLF per viaggiare

Cos’è il modulo PLF, quando serve e come ottenerlo

Renault Clio E-Tech Hybrid

Renault Clio Hybrid: l’ibrida per la città, comoda per viaggiare

Changan CS85

Changan CS85: il SUV coupé cinese un po’ BMW, un po’ Mitsubishi