Ladri scappano su una Tesla: presi mentre ricaricano al Supercharger

Mario Roth
08/03/2023

Ladri scappano su una Tesla: presi mentre ricaricano al Supercharger

Sono due i ladri accusati di aver rubato videogochi ed accessori vari per un valore di 8.000 dollari in Georgia, ed arrestati mentre ricaricavano l’auto utilizzata per la fuga, una Tesla Model X. Due geni del male, alla stregua degli italianissimi “soliti ignoti” oppure se preferite, veri e propri ladri “ecologici”.

La polizia della contea di Gwinnett ha risposto ad una chiamata per furto in un centro commerciale con i ladri che erano fuggiti appunto a bordo di una Tesla. Una fuga decisamente breve, visto che sono stati trovati a “ben” 15 minuti di auto dalla scena del furto, mentre aspettavano che la Model X si ricaricasse.

Tesla supercharger station

La polizia della contea di Gwinnett ha pubblicato una serie di foto che mostrano la Model X piena di scatole di PC da gioco e spazzolini elettrici, oltre a videogiochi, diverse pistole e due chili di marijuana. Secondo Business Insider, non è chiaro se anche la Tesla utilizzata sia stata rubata o meno. Quello che lascia perplessi è la brevissima distanza. Forse la coppia non aveva ben considerato la quantità di energia disponibile sulla Tesla, che almeno nominalmente ha una autonomia di quasi 500 km.

Pare proprio non sia saggio usare le auto elettriche per compiere reati, a meno di sapere esattamente a cosa si va incontro. Insideevs, cita come esempio il furto di una Tesla Model S in Arizona avvenuto nel 2019, quando una donna era stata catturata dalla polizia dopo che l’auto si era completamente scaricata. In un altro caso avvenuto in Canada, un uomo era stato arrestato sempre per aver rubato una Tesla ma era stato localizzato dal proprietario tramite l’app presso un Supercharger, ed era stato arrestato dalla polizia.

—–

Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche sui social come FacebookTwitter, PinterestInstagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.

telegram