Vita in Camper

Noleggio: 6 motivi per scegliere una vacanza in camper

Se non hai mai fatto una vacanza in camper, questi utili consigli potrebbero farti cambiare idea. Le foto dovrebbero convincervi!

9 luglio 2020 - 7:00

Avete mai fatto un vacanza, anche breve, in camper? Se non avete mai fatto un’esperienza simile, fidatevi, è da fare, assolutamente. Poter partire, senza aver programmato una meta vera e propria, ed essere immediatamente in vacanza, con tutto quello che vi occorre a portata di mano, è una sensazione che i camperisti conoscono molto bene e che qualsiasi persona dovrebbe provare. Un paio di metri quadri e quattro ruote di pura libertà: anche questo è il noleggio camper.

La vita in camper, e lo stile di vita di chi viaggia in camper o in van, sta spopolando in tutta Europa e sempre più persone decidono di provare un’esperienza a bordo di case “itineranti”. Per provare a convincere i più indecisi e far crescere la voglia di partire a chi ha già abbracciato questo modo di viaggiare, la piattaforma di camper-sharing, Yescapa, ha raccolto 6 buoni motivi per scegliere la cosiddetta “van life“. Facciamo nostri questi suggerimenti e ve li sottoponiamo. Fateci sapere se vi sono stati utili in qualche moto.

1) Riscoprire il vero senso di libertà

Spostarsi in camper o in van vuol dire muoversi in autonomia e con tutto il necessario sempre a portata di mano. Un viaggio perfetto a tutte le età, che consente di fare deviazioni o soste non programmate e di staccare la spina e cercare un po’ di tranquillità, ad esempio in mezzo alla natura: non ci sono vicini di stanza rumorosi, si può godere di un cielo stellato, ci si può rilassare come, quanto e quando si vuole, basta premere il freno e spegnere il motore. Soprattutto, i viaggi in camper consentono di dormire ogni notte in un luogo diverso e, di conseguenza, di godere ogni mattina di un panorama differente. Un grande valore aggiunto che nessun altro alloggio è in grado di dare.

2) Imparare la condivisione e conoscere meglio se stessi

Viaggiare in camper e sperimentare la vita del campeggio implica vivere a stretto contatto con altre persone per gran parte del tempo. Lo stare in spazi ristretti e il vivere in compagnia permette di dare un nuovo significato al rispetto, alla condivisione e all’importanza dell’aiuto reciproco. È importante scegliere con cura con chi partire e prepararsi a scoprire lati del carattere dei nostri compagni di viaggio che altrimenti non avremmo mai avuto modo di notare (nel bene e nel male). Allo stesso tempo, si impara anche a conoscere meglio sé stessi, capendo quali sono i propri limiti o punti di forza. Le esperienze come i viaggi in camper, infatti, favoriscono la crescita personale, perché insegnano a essere completamente autonomi.

3) Imparare a organizzare lo spazio

L’assenza quasi totale del comfort al quale normalmente in vacanza siamo abituati può aiutare a rivalutare la nostra classifica della priorità e farci aprire gli occhi su un aspetto importante: non sempre tutto quello che mettiamo in valigia è necessario. Viaggiare in camper, nel rispetto del minimalismo, può aiutare a ridurre il numero di oggetti che ci circondano, lasciando più spazio alle cose davvero necessarie o agli altri viaggiatori. È incredibile la quantità di oggetti dei quali ci circondiamo e che si rivelano essere superflui!

4) Fare una pausa dalla tecnologia

È vero che una vacanza in camper o in van non è sinonimo di isolamento tecnologico, ma sicuramente lo favorisce, soprattutto se si viaggia in aree semi isolate nelle quali, in altre circostanze, probabilmente useremmo il Wi-Fi dell’hotel o del nostro alloggio. In più, anche se è vero che spesso si utilizzano le tecnologie per seguire strade e percorsi, è altrettanto vero che la libertà data dallo spostarsi in camper e l’attenzione che bisogna (o si vuole) dedicare al paesaggio che ci circonda riducono i tempi morti, spingendoci a guardare fuori dal finestrino invece che puntare gli occhi a uno schermo.

5) Spendere meno

Viaggiare in camper permette di ridurre notevolmente i costi, nonostante la benzina e la manutenzione del mezzo (che però possono essere ammortizzate se si condivide il camper con yescapa nei periodi di non utilizzo). I pasti possono essere consumati in tranquillità e autonomia senza rischiare trappole per turisti e menù carissimi, mentre il letto è sempre disponibile e il suo prezzo non dipende dall’alta o dalla bassa stagione. Con un po’ di attenzione, le spese si riducono drasticamente e ogni centesimo risparmiato può essere utilizzato per il prossimo viaggio.

6) Partire all’ultimo minuto

Quante volte avreste voluto partire all’ultimo minuto, ma non c’erano più posti disponibili in aereo, in treno o in albergo? Viaggiando in camper questi problemi non esistono. La casa su ruote è sempre pronta ad accogliervi, anche se decidete di andare all’avventura il giorno stesso. Per vivere il viaggio senza troppe pianificazioni.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Bentley Bentayga Speed

Bentley Bentayga Speed: il miglior SUV di lusso al mondo

Kia Uefa Europa Trophy Tour 2020

Kia Uefa Europa Trophy Tour 2020: raccolte oltre 2.000 paia di scarpe da calcio

Auto plug-in Hybrid

Le migliori Auto Plug-in Hybrid di Agosto 2020