Top Gear: il Wall of Death da 1 milione di sterline è stato usato per soli 16 minuti e poi demolito

Mario Roth
09/11/2020

Top Gear: il Wall of Death da 1 milione di sterline è stato usato per soli 16 minuti e poi demolito

Quanto può valere un bel set televisivo? Non siamo dell’ambiente e non conosciamo le cifre da vicino, ma sappiamo invece che il “Wall of Death” è costato un milione di sterline, ed è stato usato per 16 minuti nella seconda puntata di questa stagione di Top Gear. BBC ha speso letteralmente 62.500 sterline al minuto, ovvero 1.041 sterline al secondo.

Andrew Flintoff, Paddy McGuinness e Chris Harris hanno guidato lungo la pista quasi verticale a poco più di 80 km/h, sfidando la gravità e tenuti in posizione dall’attrito. Un bello spettacolo, senza dubbio, il cui costo ha però innescato alcune polemiche. Per costruire la pista verticale sono servite decine preso all’Alexandra Palace a Londra. Parte della spesa è stata pagata ovviamente dai contribuenti, che forse si aspettano ben altro dal canone tv che pagano ogni anno.

[embedcontent src=”youtube” url=”https://youtu.be/Pq37O-8fGyI”]

Dal punto di vista tecnico, Top Gear è prodotto e finanziato insieme a BBC Studios, società di produzione e distribuzione commerciale della BBC. E’ la stessa società a distribuire il programma alle tv di tutto il mondo, con ritorni che dovrebbero garantire a BBC un cospicuo guadagno nonostante non ci siano più Clarkson, Hammond e May. Polemiche inutili? Forse si o forse no, come accade in questi casi.

Sappiamo invece che il Wall of Death è stato riciclato in modo “responsabile” dopo la sua demolizione.

—–

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram.

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social. Vi invitiamo a seguirci su Google News, ma anche su FlipboardFacebookTwitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.