Truffa dell’uovo sul parabrezza: cos’è e come difendersi

Redazione
20/01/2023

Truffa dell’uovo sul parabrezza: cos’è e come difendersi

Arriva a Roma la “truffa dell’uovo sul parabrezza”, dove è la Polizia Locale a lanciare l’allarme dopo che un’anziana è purtroppo caduta vittima dei ladri.

Come funziona la truffa dell’uovo sul parabrezza

Si tratta di una truffa molto rudimentale, che utilizza i momenti di incertezza delle persone. Sostanzialmente i ladri tirano un uovo sul parabrezza delle auto, o comunque sui finestrini o sulla carrozzeria, mentre a bordo c’è il guidatore, sfruttando appunto lo stato di confusione che ne deriva.

Pare che vengano scelte situazioni nelle quali le persone sono appena salite in auto e si stanno sistemando, oppure poco dopo aver parcheggiato l’auto. Quindi l’auto è ferma con una persona a bordo, l’automobilista vede cadere un uovo sul parabrezza, scende dall’auto per capire cos’è successo e magari inveire contro il responsabile. A quel punto un complice compie il furto, portando via zaini, borse e portafogli.

Come ci si difende

Chiunque può essere vittima di questa truffa con furto, perchè i ladri tendono a colpire individuando persone anziane o chiaramente in sovrappensiero. I luoghi più segnalati sono i parcheggi dei centri commerciali, magari proprio nel momento nel quale si stanno mettendo i sacchetti della spesa in auto. Il colpo funziona infatti quando le persone non si aspettano cosa sta per capitare.

Il consiglio è di non scendere dal veicolo se si ha il sentore che c’è qualcosa di strano. Si tratta dello stesso consiglio dato nel caso della truffa dello specchietto, quando i ladri lanciano sassolini contro la nostra auto simulando un contatto che non c’è stato.

E’ importante chiamare subito le forze dell’ordine, perchè si tratta di un modus operandi noto, ed al quale va prestata la massima attenzione.

—–

Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche sui social come FacebookTwitter, PinterestInstagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.

telegram