Boris Johnson

Regno Unito: dal 2035 divieto di vendita auto benzina, diesel ed ibride.

Ma agli ambientalisti non basta.

5 febbraio 2020 - 13:00

La vendita di auto benzina, diesel ed ibride sarà vietata dal 2035 nel Regno Unito. Chissà cosa ne pensa Jeremy Clarkson nel dover constatare che non ci saranno più auto a combustione interna nei concessionari inglesi.

ll primo ministro Boris Johnson ha annunciato negli scorsi giorni che il governo del Regno Unito è proiettato nel futuro ed anticipa di ben cinque anni il divieto che sarebbe dovuto entrare in vigore comunque nel 2040, così come avevano deciso tra l’altro i francesi. C’è da dire che l’Olanda ha varato una misura per porre fine alla vendita di veicoli a combustibile fossile entro il 2030 mentre la Norvegia, sovvenzionata dalla produzione di petrolio, ha proposto il divieto più aggressivo a partire dal 2025.

Le motivazioni stanno alla base di alcuni studi, secondo i quali che l’obiettivo originale del 2040 non avrebbe garantito la possibilità di sarebbe raggiungere un livello di emissioni di Co2 praticamente zero entro il 2050.

“Non ci può essere maggiore responsabilità che proteggere il nostro pianeta”, ha affermato Boris Johnson alla BBC, “e nessuna missione che la Gran Bretagna sia più orgogliosa di servire”. Un annuncio, il suo, arrivato durante il lancio della COP26 U.N. Climate Change Conference che il Regno Unito ospiterà a il prossimo Novembre a Glasgow.

Le polemiche sono scattate su un punto non chiarissimo inizialmente: le auto ibride saranno colpite dal divieto? Secondo quanto riporta la BBC, il divieto è stato esteso alle auto ibride e agli ibridi plug-in, che non erano stati inclusi nelle proposte originali. Di conseguenza, le persone saranno in grado di acquistare unicamente auto e veicoli commerciali elettrici, mentre non ci sono divieti sul fronte dell’usato.

Tutto bene? No, perchè i gruppi ambientalisti hanno già fatto sapere che non è abbastanza. Rebecca Newsom, portavoce politica di Greenpeace UK, ha affermato che “eliminare gradualmente il motore a combustione interna è un pezzo importante del puzzle”. “Tuttavia, spingere la data dopo il 2030 ridurrebbe notevolmente le possibilità di raggiungere i nostri obiettivi climatici e la possibilità di creare migliaia di posti di lavoro nella produzione di veicoli elettrici”. Nessun dubbio quindi, in merito alla questione dell’estrazione dei minerali necessari alla produzione di batterie, e neanche alla provenienza dell’energia elettrica. Staremo a vedere.

 

—–

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguiteci su Facebook, Twitter, Instagram e Flipboard. Non esitate ad inviarci le vostre opinioni e le vostre segnalazioni commentando i nostri post.

 

 

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

mercedes targa

Copre la targa italiana con una targa straniera: denunciato

Renault TALISMAN

Renault Talisman: tutte le caratteristiche della nuova versione

Porsche 911 impronta digitale

Porsche 911 impronta digitale: la personalizzazione unica del cofano