Volkswagen T-Roc R cover

Volkswagen T-Roc R, crossover ad alte prestazioni

Volevate qualcosa di più da un T-Roc? Quello con la R allora fa per voi

26 febbraio 2019 - 18:00

Volkswagen T-Roc R, la neonata versione supersportiva del crossover di successo T-Roc, sarà di scena al Salone di Ginevra 2019. Sviluppata dalla Volkswagen R, questa variante che vanta prestazioni  di rilievo della casa di Wolfsburg, grazie a un “pacchetto” che prevede motore quattro cilindri TSI da 2 litri che eroga 300 CV e 400 Nm di coppia massima, amplia la gamma di un modello che ha conquistato numerose piazze europee. La nuova T-Roc R è stata sviluppata sul leggendario tracciato del Nürburgring ed è stata messa a punto con la collaborazione del Campione del Mondo WRX Petter Solberg e del collaudatore Volkswagen Benjamin Leuchter.

Volkswagen T-Roc R, un design distintivo

Le caratteristiche sportive della T-Roc R sono sottolineate dal design specifico e inconfondibile di carrozzeria e abitacolo. L’immagine potente rivela alcune differenze rispetto alle versioni più “tranquille”. La calandra del radiatore, appositamente ridisegnata, ha nella parte bassa una striscia argentata di alluminio anodizzato che corre per l’intera larghezza del veicolo. Il logo “R” è ben visibile sulla calandra ed è riprodotto nell’elemento specifico tra fiancata e portiera.

I paraurti, sviluppati appositamente per questo modello, hanno uno stile sportivo e sono verniciati nella stessa tinta della carrozzeria. Le luci di marcia diurne, indipendenti e verticali, sono integrate nel paraurti anteriore. Inoltre, la protezione sottoscocca e le prese d’aria specifiche sono elementi tipici della T-Roc R.

Anche la vista del posteriore è dominata dal paraurti sportivo in tinta e include prese d’aria e un diffusore “R” con colore a contrasto. Il doppio scarico da entrambi i lati è specifico. La T-Roc R è equipaggiata con cerchi in lega da 18” Spielberg. Sono disponibili anche i cerchi Pretoria color grafite opachi da 19” con pneumatici 235/40 R19.

Tra i dettagli esclusivi della Volkswagen T-Roc R ci sono le eleganti coperture degli specchietti retrovisori in cromo opaco, alettone sul tetto e inserti porte in tinta carrozzeria, piastra paracolpi a contrasto, passaruota allargati con goffrature nere e pinze freni specifiche nere con logo “R” in evidenza.

I cerchi in lega da 19” Pretoria color grafite opachi risaltano in modo particolare, insieme agli pneumatici 235/40 R19 e al sistema di scarico in titanio R-performance realizzato dalla Akrapovič.

Quanto alle tinte carrozzeria, sulla T-Roc R i clienti possono scegliere tra il Lapiz Blue metallizzato tipico “R”, oppure i colori pastello Pure White o Flash Red, o ancora i metallizzati Kurkuma Yellow, White Silver, Energetic Orange, Deep Black effetto perla o Indium Grey. Il tetto può essere verniciato in nero a contrasto.

Gli interni di T-Roc R

Decorata dalla “R”, già la chiave fa capire che questa è un’auto speciale. La “R” si ritrova anche nel battitacco in acciaio inossidabile e cucita nei poggiatesta dei sedili. Anche il volante multifunzione specifico, rivestito in pelle e con leve per il cambio marcia sfoggia il logo “R”. I pedali sono in acciaio inossidabile. A disposizione c’è anche l’elegante e allo stesso tempo sportivo Pacchetto Pelle, con sedili rivestiti in pelle nappa di alta qualità. I pannelli laterali con inserti in carbonio esaltano invece la natura sportiva, così come le cuciture in Crystal Grey e il logo “R” nei poggiatesta.

Il motore di T-Roc R

Il motore di Volkswagen T-Roc R è un quattro cilindri TSI da 2 litri che eroga 300 CV e 400 Nm di coppia massima, trazione integrale 4MOTION e cambio a doppia frizione DSG a 7 rapporti. Questa combinazione assicura un’accelerazione eccellente senza perdita di trazione.

La Volkswagen T-Roc R passa da 0 a 100 km/h in 4,9 secondi, mentre la velocità massima è limitata a 250 km/h. L’assetto sportivo (con sospensioni abbassate) assicura una tenuta di strada ideale. Lo sterzo progressivo di serie gioca un ruolo fondamentale nell’assicurare un comportamento di guida agile, mentre il potente impianto frenante – derivato da quello della Golf R Performance – assicura ridotti spazi d’arresto.

Le modalità di guida includono la speciale Race Mode che assicura una esperienza particolarmente sportiva. A questa si affianca la funzione launch control che offre una trazione ottimale in accelerazione, l’erogazione della coppia massima e un programma di stabilità dedicato.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

McLaren Ultimate Series 2020

McLaren Ultimate Series 2020: annunciata la nuova roadster decapottabile

Lamborghini Aventador SVJ 63 Roadster

Lamborghini Aventador SVJ 63 Roadster: svelata alla Monterey Car Week 2019

Autostrada di notte

Calendario esodo 2019: bollini neri e rossi nel rientro dalle vacanze