Nuova Kia Sportage

Nuova Kia Sportage: la recensione del mild hybrid benzina da 150 CV

La recensione primo contatto della nuova Kia Sportage 1.6 benzina mild hybrid da 150 CV e cambio automatico da 29.950 euro

22 gennaio 2022 - 19:00
Motore
1.6 benzina 150 CV
Cambio
Automatico DCT 7 marce
Prezzo
Da 29.950€

La nuova Kia Sportage è arrivata finalmente in Italia, con un nuovo design ma sempre con la vocazione avventuriera e la tipica concretezza Kia. Abbiamo provato la versione con motore 1.6 benzina mild hybrid da 150 CV, ecco com’è andata.

Nuova Kia Sportage: me la consigli?

Impossibile non consigliare questo modello, che con ogni motorizzazione riesce comunque a rivelarsi concreto ed efficiente. Nello specifico, della nuova Kia Sportage mi ha stupito il benzina mild hybrid sia per la coppia che per l’efficienza del motore, che tra l’altro è anche molto silenzioso. Il design è certamente più personale e ricercato che in passato, ma trasmette comunque una grande sensazione di imponenza, mentre negli interni si apprezzano lo spazio per i passeggeri di tutte le dimensioni, la disposizione dei vani porta-oggetto, la tecnologia e il bagagliaio con 591 litri di capacità minima. Un’auto che consiglio a chi cerca tanta versatilità unita ad una guida molto piacevole.

Pro

  • Tanto spazio interno
  • Definizione del display
  • Insonorizzazione

Contro

  • In partenza slitta
  • CarPlay/Android Auto solo via cavo
  • Menu touchbar poco intuitivo

Nuova Kia Sportage: design orientato all’utente

Per approfondimenti sul design esterno della nuova Kia Sportage, vi rimando all’articolo sulla presentazione del modello, che va anche ad approfondire quella che per Kia è la filosofia “Opposites United” relativa al design.

Ad ogni modo, di elementi in comune con la più grande (ed elettrica) EV6 ce ne sono tanti, a partire dalle linee muscolose e tese, qui suggellate dall’elemento “ad arco” ripreso dai fari anteriori e posteriori, dalla linea di cintura, quella dei finestrini, e da numerosi altri elementi.

L’arco, nonché la disposizione per esempio dei fari e della griglia, serve a dare dinamismo, ma anche sensazione di imponenza, mentre la sua vocazione SUV e fuoristrada (si può avere anche a trazione integrale) è data dai rinforzi in metallo delle zone inferiori. In nero devo dire che si presenta molto bene, ma mi piace molto anche il verde smeraldo scelto per pubblicizzarla.

L’ispirazione EV6 torna negli interni della nuova Kia Sportage, che certo non hanno l’impostazione da ambiente open space iper-versatile della nuova elettrica, ma comunque la disposizione degli spazi è molto intelligente.

Salvo il montante posteriore molto spesso, i vetri ampi permettono di rendere l’abitacolo molto luminoso, e questo nonostante tutti gli elementi siano scuri e neri. La seduta è molto comoda, anche al posteriore e anche per una persona che supera il metro e novanta come chi scrive, mentre mi è piaciuta molto anche l’impostazione dei vani porta-oggetto.

Per esempio i porta-bicchieri sono a scomparsa, in modo che se non ci sono bottiglie da appoggiare, lo stesso spazio può ospitare qualcos’altro. O ancora, appena sotto la consolle centrale si trovano una presa USB di tipo A e una di tipo C, con un vano molto largo e soprattutto antiscivolo per gli smartphone. Tutte piccolezze che, nel quotidiano, si apprezzano molto. Bene poi il bagagliaio, che parte da una capacità di ben 591 litri.

Sulla plancia spicca il doppio display curvo in alta risoluzione, tanto che nonostante la grafica sia nera si riesce sempre a vedere anche quando la luce è bassa e diretta. L’effetto è comunque molto buono, e lo schermo tattile al centro da 12,6 pollici sempre facilmente raggiungibile. Meno intuitiva, secondo me, la touchbar inferiore che sostituisce i tasti del clima e della navigazione del menu. Anche questa l’abbiamo conosciuta con Kia EV6, ma riconfermo il fatto che, per queste cose, trovo più immediati i tasti fisici. Ma sono preferenze.

Come si guida

Questo è stato un primo contatto con la nuova Kia Sportage, ma devo dire che le sensazioni che mi ha lasciato sono molto positive. La versione della mia prova monta un motore 1.6 benzina Mild Hybrid da 150 CV , in allestimento Business e abbinato a un cambio automatico DCT a 7 rapporti, che si può richiedere in sostituzione del manuale con 2.000 euro in più sul listino. Parto proprio dalla trasmissione, molto fluida ma soprattutto silenziosa, abbinata a una leva del cambio che fa subito navicella anni Novanta, ma è davvero comoda, una delle migliori. L’altezza è quella giusta, si trova esattamente “a portata di mano”, appoggiando il braccio destro sul bracciolo centrale, e l’impugnatura è solida e larga. Non è una leva ballerina, ed è molto precisa, quindi non si rischia mai di inserire la N al posto della D e via dicendo. C’è anche la modalità sequenziale, senza però le palette al volante.

Buono anche lo sterzo, che prima di tutto è molto preciso; secondo, focalizzandosi sul volante, questo ha come al solito i tasti giusti al posto giusto. A sinistra la parte telefonica-multimediale, a destra quella dei sistemi ADAS più utilizzati come il Cruise Control, e questo permette di non togliere quasi mai le mani dalla posizione di guida. Come detto, il cambio contribuisce a rendere silenzioso un motore che di suo lo è già molto.

Il merito va sicuramente al nuovo telaio, più robusto e meglio isolato, ma anche alla propulsione stessa che, eccetto alle basse velocità, si sente poco. La coppia è poi tanta, forse troppa per la trazione anteriore tanto che bisogna prenderci un po’ la mano per capire come non slittare in partenza, cosa che all’inizio mi succedeva di frequente. Questo è in realtà un bene, perché la nuova Kia Sportage richiede pochissima pressione sul pedale per partire, cosa che serve anche a ridurre i consumi.

A proposito di questi, nella mia prova ho avuto una media di circa 7,5 litri su 100 km, sia a causa del mio piede pesante sia perché ho fatto un po’ di autostrada. Sono comunque consumi in linea con la vettura, e con il tipo di propulsione.

Prezzi

La nuova Kia Sportage in allestimento Business come nella nostra prova parte da 29.950 euro.

Per averla con il cambio automatico, si sale a 31.950 euro, mentre come detto la trazione integrale richiede 2.000 euro in più.

—–

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram. Vi invitiamo a seguirci anche su Google News cliccate qui sotto per l’iscrizione gratuita!

Commenta per primo