“Lei non sa chi sono io!” per evitare l’arresto: capo della polizia di Tampa deve dimettersi

Redazione
06/12/2022

Il capo della polizia di Tampa si è dimessa dopo aver mostrato il distintivo per evitare di essere arrestata dopo essere stata fermata da una pattuglia stradale. Una vicenda che ha dell’assurdo, visto che Mary O’Connor era stata bloccata insieme al marito mentre viaggiavano su un golf cart senza targa su strada pubblica.

Il video della body-cam mostra O’Connor e suo marito venire fermati da un agente dello sceriffo della contea di Pinellas mentre guidavano il golf cart, fuori dalla loro zona di residenza di East Lake Woodlands a Oldsmar.

Nel video si vede la O’Connor sul sedile del passeggero, che sorride dopo che l’agente si è avvicinato a loro. Mentre l’agente spiega il motivo per il quale la coppia era stata fermata, la O’Connor chiede se la bodycam fosse in funzione per poi identificarsi come il capo della polizia di Tampa. Gli chiede di lasciarla andare mostrandogli il suo distintivo, nel più classico dei “lei non sa chi sono io”.

La scena si chiude con il capo della polizia che si scusa con l’agente dandogli poi il proprio biglietto da visita. “Se hai bisogno di qualcosa, chiamami. Davvero”, dice nel fimato. O’Connor e l’agente si sono ringraziati a vicenda, e la coppia ha potuto andarsene.

La vicenda però non si è chiusa li, con il filmato reso pubblico dall’ufficio dello sceriffo di Pinellas County. Sono immediatamente scoppiate le polemiche, con una lettera pubblica di scuse che evidentemente non ha placato gli animi. Il sindaco di Tampa ha infatti dichiarato che “è inaccettabile che un dipendente pubblico, e in particolare il capo delle forze dell’ordine della città, chieda un trattamento speciale a causa della sua posizione”.

La O’Connor è stata messa in congedo amministrativo, e poco dopo ha annunciato le dimissioni.

 

—–

Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche sui social come FacebookTwitter, PinterestInstagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.

telegram