elicottero idrogeno

Sta arrivando il primo elicottero passeggeri ad idrogeno

Piasecki Aircraft realizzerà un elicottero con tecnologia fuel cell ad idrogeno da 590 kW con autonomia di oltre 370 km e cinque posti passeggeri.

13 aprile 2022 - 13:00

Si comincia in piccolo per raggiungere grandi obbiettivi. È questa la filosofia che supporta la Piasecki Aircraft, nello sviluppo di quello che potrebbe essere il primo elicottero per il trasporto di persone ad idrogeno. Attenzione, abbiamo detto elicottero e non un qualcosa di destinato al solo trasporto urbano o a brevi tratte, ma bensì di un velivolo con un autonomia di oltre 370 km e velocità tradizionali.

L’azienda della Pensilvania mira a trovare un nuovo modo di propulsione e, dopo essersi dedicata per un po’ di tempo allo studio della compatibilità tra batterie tradizionali e decolli verticali per oggetti di grandi dimensioni a pieno carico, vi ha rinunciato.

La conclusione è che le batterie tradizionali non sono abbastanza performanti, sono troppo pesanti e lente nella ricarica, nulla da fare. La strada giusta è però apparsa grazie alla tecnologia delle fuel cell, alimentate ad idrogeno.

Per spiegare come funzionino in modo molto terra terra, possiamo dire che si tratta di un insieme di moduli, o celle, che attraverso l’utilizzo dell’idrogeno riescono a produrre una notevole quantità di elettricità, emettendo come prodotto di scarto solo acqua, ad un peso notevolmente più ridotto di normali batterie e con una considerevole versatilità nel momento in cui ci sia bisogno di rifornire nuovamente le celle stesse.

Il sistema è molto complesso e sfrutta caratteristiche fisiche e chimiche di diversi materiali, ma consente lo sviluppo di grandi quantità di energia in poco spazio. La Piasecki Aircraft mira a realizzare un elicottero da cinque posti alimentato in questo modo innovativo, e di sviluppare a breve il dimostratore denominato PA-890. Prima però di poter arrivare a questo risultato, è necessario effettuare una serie di test con elicotteri di dimensioni ridotte.

È stato scelto il CoAX 2 della Aerotec, molto leggero e versatile su cui si potranno installare delle celle capaci di 80 kW, in grado di dare un primo assaggio di ciò che si potrà incontrare, in termini di difficoltà e problemi da risolvere per il futuro PA-890, che necessita di oltre 590 kW.

L’azienda spera di terminare tutte le fasi intermedie entro fine anno e di poter subito dopo certificare quello che potrebbe davvero essere il primo elicottero a propulsione basata sull’utilizzo dell’idrogeno.

—–

Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche sui social come FacebookTwitter, PinterestInstagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

NamX HUV

HUV è il SUV a idrogeno con capsule rimovibili di NAMX e Pininfarina

milano chicago united

United apre il volo diretto Milano – Chicago da Malpensa

Il più grande veicolo ad idrogeno del mondo lavora in una miniera di platino