Cosa sono l’idrogeno verde, blu, nero e viola?

Silvio Beretta
07/12/2022

Cosa sono l’idrogeno verde, blu, nero e viola?

Idrogeno verde, idrogeno blu, idrogeno nero. Quale è il vero colore dell’idrogeno? Sono tante infatti le definizioni con cui viene descritto questo elemento, che è anche uno dei carburanti green per auto, ma anche per aerei e treni, più gettonati e discussi in vista del futuro.

Il perchè di tanti colori è presto detto. In realtà l’idrogeno non ha colore, perchè allo stato gassoso è ovviamente invisibile. Le tinte, piuttosto, indicano il modo in cui viene estratto dalle sostanze con cui si combina. Una “mazzetta” che include il nero, il blu, il grigio, il viola e, come dice la parola stessa, il più sostenibile di tutti, l’idrogeno verde.

Le proprietà dell’idrogeno

Anche chi non ha studiato chimica sa che l’idrogeno ha la tendenza innata a legarsi con altri elementi. La combinazione più nota è quella con l’ossigeno, che va a formare l’acqua (H2O). Ci sono poi gli idrocarburi, come il metano o il carbone, che nascono dall’unione tra l’idrogeno e il carbonio.

Quindi, viste queste proprietà, per ottenere l’idrogeno che va ad alimentare le auto o viene utilizzato per altri scopi occorre dividerlo dalle molecole con cui è legato. Un processo che richiede energia. Da qui, i colori che caratterizzano diverse tipologie di idrogeno. Colori che interessano sempre più anche il mondo delle quattro ruote, visto che molte Case come Hyundai e Toyota, stanno puntando su questo carburante.

Hyundai Nexo idrogeno

Cos’è l’idrogeno verde?

Cominciamo dal più green, l’idrogeno verde, che trae il suo nome dal fatto che viene estratto dall’acqua utilizzando la corrente proveniente da fonti energetiche rinnovabili come il fotovoltaico.

Cos’è l’idrogeno viola?

L’idrogeno viola si differenzia dal verde: viene sempre estratto dall’acqua, ma stavolta utilizzando una corrente prodotta da una centrale nucleare.

Cos’è l’idrogeno blu?

Si ha il cosiddetto idrogeno blu quando la produzione di idrogeno da combustibili fossili è accoppiata ad un sistema di cattura e di stoccaggio permanente della CO2 prodotta nel processo. In questo modo si può generare idrogeno, senza le emissioni dannose per il clima.

Cos’è l’idrogeno nero?

C’è poi il meno sostenibile, ovvero l’idrogeno nero, che viene estratto dall’acqua usando la corrente proveniente da una centrale elettrica a carbone o petrolio. Il più comune, invece, è l’idrogeno grigio, che viene estratto dal metano e da altri idrocarburi attraverso una reazione chimica che libera l’anidride carbonica nell’aria. Anche l’idrogeno blu viene estratto dagli idrocarburi, ma in questo caso l’anidride carbonica viene catturata e immagazzinata.

Attualmente la stragrande maggioranza dell’idrogeno viene estratto dagli idrocarburi, ma le grandi società energetiche stanno puntando sempre più sull’idrogeno verde come viatico nel cammino verso un futuro a basso impatto ambientale.

—-

Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche sui social come FacebookTwitter, PinterestInstagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.