Boris Johnson Holds Cabinet Meeting

Boris Johnson anticiperà al 2030 il divieto di auto a combustibili fossili

Il Regno Unito si deve convertire all'elettrico per legge

17 novembre 2020 - 8:00

Il primo ministro britannico Boris Johnson confermerà questa settimana una nuova data per il divieto sui nuovi veicoli a combustibili fossili, anticipandola addirittura di un decennio. Originariamente fissato per il 2040, ma poi spostato indietro di cinque anni secondo gli annunci dello scorso febbraio, sarà nuovamente accelerato al 2030, secondo il Guardian ed il Financial Times.

Secondo l’autorevole quotidiano, la mossa servirà a “far ripartire il mercato delle auto elettriche nel Regno Unito“, che equivale a dire che senza obblighi, le auto elettriche non sono per niente appetibili per il grande pubblico. In seconda battuta, servirà ad aiutare il Paese a raggiungere l’obiettivo zero emissioni entro il 2050.

È probabile che l’anticipo di altri cinque anni sarà salutato con calore da parte degli ambientalisti e da tutti i fan boy che negli ultimi anni hanno scoperto la passione per l’elettrico, mentre sarà visto come una sciagura da parte di tutti gli altri. In primo luogo tutta l’industria automobilistica che, nonostante i proclami, campa sul classico motore a combustione interna. Un settore messo in ginocchio dal coronavirus, e che potrebbe veder perdere una importante parte della propria offerta per una decisione politica. Difficilmente infatti un calendario così impegnativo sarebbe sufficiente per la transizione di tutto il settore, minacciando sia redditività di migliaia di aziende sia anche le vendite delle tecnologie a basse emissioni.

L’elettrico non può essere a buon mercato, quando le batterie vengono prodotte utilizzando Cobalto, Nickel, Manganese e terre rare. Anche nel Regno Unito, la differenza tra un modello a benzina o diesel, ed uno elettrico, può superare le 10.000 sterline.

D’altra parte, abbiamo visto come le case automobilistiche stiano spostando una parte della propria redditività futura investendo nella ricarica, e diventando loro stesse i “benzinai” del domani, come accade ad esempio con Ionity.

C’è ancora da attendere l’annuncio ufficiale vedere come il Regno Uniti intende percorrere la strada dell’elettrico, ma sappiamo che gli inglesi consideravano troppo presto il 2035: come la prenderanno quando sapranno che la data è anticipata al 2030?

 

—–

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram.

Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche sui social come FacebookTwitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

pickup capovolto

I Pick Up più assurdi di sempre

auto nuova

Le 10 situazioni che capitano quando hai deciso comprare l’auto nuova

Hyundai Bayon

Hyundai Bayon: svelato il nome del nuovo suv che arriverà nel 2021