Changan CS85

Changan CS85: il SUV coupé cinese un po’ BMW, un po’ Mitsubishi

Non vi ricorda un po' Mitsubishi un po' BMW?

16 settembre 2021 - 18:00

La moda dei SUV coupé è arrivata anche in Cina, dove si è fatto tesoro dell’esperienza di “guardare” agli altri per creare un prodotto proprio (per la cultura cinese è un omaggio), in questo caso Changan CS85. Questo veicolo è in produzione dal 2019, e prende spunto da queste coupé a ruote alte lanciate prima da BMW con la X6, e poi da Mercedes nel corso degli anni Duemila, e oggi in costante aumento, tanto che sono arrivate anche ai marchi generalisti.

Chang’an Motors è un costruttore automobilistico cinese fondato nel 1980 a Chongqin, e ha iniziato a produrre vetture nel 1990 in seguito a un accordo con Suzuki, prima, e poi anche con Ford. In pochi anni è entrata a far parte delle “Cinque Sorelle”, ovvero i cinque più grandi produttori automobilistici cinesi, che includono anche Saic Motor (la nuova “madre” di MG), Dongfeng, FAW (oggi anche un po’ italiana) e Chery Automobile, le cui auto sono importate e riassemblate in Italia da DR.

Changan CS85: muso da Outlander, posteriore da Serie 7

Changan CS85 è stata presentata nel 2019 al Salone dell’Auto di Guangzhou, e lanciata nel marzo dello stesso anno sul mercato. Come categoria d’appartenenza, se fosse in Europa sarebbe concorrente di Mercedes GLC e BMW X4, e quindi un SUV Coupé medio-grande, ad oggi il segmento più diffuso in Europa e in Italia.

Stilisticamente, comunque, sembra l’unione di due vetture. L’anteriore, complice la grande griglia a listelli orizzontali e la forma dei fari, ricorda una Mitsubishi, la Spacestar per il design, la Outlander per le dimensioni e l’imponenza. Il muso è quindi squadrato e moderno, a contrasto con forme dell’auto che in realtà sono abbastanza morbide.

Dietro, invece, l’ispirazione è la BMW Serie 7, sia per il disegno dei fari, sia per la linea cromata che li unisce.

Motori potenti

Anche il motore rispecchia il segmento. Si tratta infatti di un turbo 2.0 litri benzina da 233 CV e 360 N/m di coppia, abbinato a una trasmissione automatica a 8 rapporti.

Successivamente, è stato aggiunto anche un motore 1.5 da 178 CV, con cambio automatico a 7 marce. In Cina, il prezzo parte da 136.900 yuan (17.900 euro circa), per arrivare a 169.000 yuan nell’allestimento più ricco (circa 22.200 euro).

—–

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram. Vi invitiamo a seguirci anche su Google News cliccate qui sotto per l’iscrizione gratuita!

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

stellantis lg

Stellantis apre con LG un impianto per la produzione batterie per auto elettriche in Nord America

polizia notifica di una multa

Autovelox in Lombardia: tutte le postazioni dal 18 al 24 Ottobre

Hongqi-E-HS9

Hongqi E-HS9: il suv elettrico cinese che si ispira a Rolls Royce e Velar