Chery Ant è l’elettrica cinese con prezzi da scooter e autonomia di 400 km

Chery Ant è l’auto elettrica cinese venduta a 9.000 € con autonomia fino a 400 km, potrebbe fare concorrenza alla Smart ForTwo.
Chery Ant Chery Ant

In Cina sono iniziate le vendite del restyling della Chery Antla versione originale della Sportequipe S1, piccola elettrica del marchio sportivo di DR.

La vettura, presentata in rosa come ormai in voga tra i marchi orientali, presenta alcune novità estetiche e tre configurazioni di batteria con autonomia di 251, 301 e 408 km per prezzi da 69.999 a 99.999 yuan, ovvero tra i 9.000 e i 13.000 €.

La risposta di Chery alla Smart

Chery Ant, e la sua gemella italiana Sportequipe S1, potrebbero porsi in Italia ed Europa come eredi non dirette della Smart ForTwo, ora che il marchio tedesco ha stravolto la sua immagine puntando su una gamma di SUV oltre i 4 metri.

La Chery Ant infatti una lunghezza di 3,2 metri, meno di una 500, e un passo di 2,1, larghezza di 1,6 e altezza di 1,5. Molto compatta, quindi, e facile da parcheggiare oltre che semplice e agile nella guida cittadina.

Chery Ant

Il restyling non porta grossi cambiamenti all’esterno, se non una leggera modifica alla grafica dei fari. Ciò che cambia è l’interno, anch’esso presentato in tinte rosa e lilla, con un grande display centrale da 10,4 pollici in verticale, sedili regolabili elettronicamente e supporto alla rete 4G LTE oltre alla compatibilità con Baidu CarLife, la risposta cinese a CarPlay e Android Auto.

Chery Ant

Motore, batteria ed autonomia

A livello tecnico, ci sono tre configurazione di batteria: 25,05, 28,86 o 29,23 kWh. Due le possibilità di motore: uno da 41 CV e uno da 75 CV, che invece si abbina a una batteria ben più grande, da 40,3 kWh.

Se quindi la versione da 41 CV ha un’autonomia medio-bassa, di 250 o 301 km in base al taglio; quella da 75 CV ha un interessante incremento fino a 408 km, più della 500 o della Peugeot 208, e vicina ai 420 km della Smart #1. A fronte, però, di un prezzo sensibilmente più basso.

Per quanto Chery, che in questo momento dimostra una vitalità incredibile in Cina, abbia espresso volontà di esportare ufficialmente le sue vetture in Europa, non sappiamo al momento se la Chery Ant sarà disponibile.

In Italia, come detto, ci sarà la sua gemella non troppo diversa di DR, con le consuete finiture migliorate e un’estetica meno “candy” e un po’ più sportiva.

—–

Qui il canale  Telegram di Quotidiano Motori. Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche su FacebookTwitter, PinterestInstagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.