Ford Bronco

I concessionari Ford americani si inventano clienti per avere più Bronco in stock.

La vogliono talmente tanto che sono disposti a fare carte false per aumentare gli stock di Ford Bronco.

1 ottobre 2021 - 8:00

Tutto il mondo è paese. In America, infatti, i concessionari Ford continuano a inventarsi clienti falsi in modo da avere in stock più esemplari di Ford Bronco, il fuoristrada molto riuscito al contrario della fantasiosa versione cabrio che abbiamo già pubblicato. La versione “normale”, quella vera, pare piaccia proprio a tutti, e per questo motivo… non arriverà mai in Europa.

Il lancio, tra l’altro, è stato piuttosto problematico, visto che i primi acquirenti hanno riscontrato diversi problemi, compresa la qualità dei rivestimenti.  Ora ci si mette pure la rete di dealer di Ford, che creano finte prenotazioni in modo da aumentare l’allocazione del SUV, con problemi al sistema di assegnazione delle scorte. Ovviamente, l’Ovale Blu non l’ha presa molto bene, e ha preso dei provvedimenti.

I provvedimenti di Ford contro i suoi concessionari

Per contrastare questa pratica molto poco ortodossa, Ford ha contattato le filiali obbligandole ad abbinare dei nomi su tutte le consegne di Ford Bronco, seguendo un protocollo ufficialmente chiamato “Reporting per la verifica della corrispondenza dei nomi dei clienti Bronco e l’integrità delle politiche 2021“.

Tale politica ha ovviamente lo scopo di garantire un’egual distribuzione degli esemplari di Ford Bronco e, inoltre, permette a Ford e alla sua rete di visualizzare gli ordini di tutti i clienti in un solo posto. Ecco, quindi, che i concessionari dovranno dimostrare che almeno i 60% delle prenotazioni da loro segnalate siano reali, sotto l’egida Ford che monitorerà le vendite tutti i mesi.

Chi dovesse violare questa nuova politica andrà incontro a delle sanzioni: la prima volta un avvertimento, la seconda significherà per il costruttore perdere la sua allocazione di Bronco per un mese, con estensione a 3 se la pratica dovesse persistere. Tra l’altro, la mossa dei vertici Ford non serve solo a contrastare le truffe interne, ma anche quelle interne fatte da clienti che usano falsi nomi per prenotare più Ford Bronco da rivendere a prezzi maggiorati.

—–

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram. Vi invitiamo a seguirci anche su Google News cliccate qui sotto per l’iscrizione gratuita!

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

polizia notifica di una multa

Autovelox in Lombardia: tutte le postazioni dal 18 al 24 Ottobre

Hongqi-E-HS9

Hongqi E-HS9: il suv elettrico cinese che si ispira a Rolls Royce e Velar

Volkswagen Tiguan Allspace 2021

Volkswagen Tiguan Allspace 2021 a partire da 39.500 Euro