share now

Free Now e Share Now ci spiegano perchè hanno cambiato nome, e cosa faranno in futuro.

Qualche risposta alle domande post

28 luglio 2021 - 8:30

Ne avevamo parlato qualche settimana fa, quando era nata la possibilità di prenotare le auto del car sharing Share Now tramite l’app Free Now. Cambi di nome e di strategie che hanno creato un po’ di confusione negli utenti, ma anche in chi scrive, che non ha risparmiato critiche.

L’occasione è stata presa al volo dall’azienda, che ci ha contattati gentilmente tramite l’ufficio stampa per fare un po’ di chiarezza. A onor del vero non è stata chiesta alcuna rettifica: ciò che segue sono le risposte che Free Now e Share Now hanno voluto dare ad alcuni dubbi che avevamo posto, e che per questo motivo pubblichiamo in maniera integrale.

Da mytaxi a FREE NOW

Il rebrand – avvenuto nel luglio 2019 – è legato ad una strategia di sviluppo della nostra società che oggi si vede proiettata verso la multimodalità: la nostra strategia a livello internazionale è infatti focalizzata sul diventare un fornitore di servizi di mobilità alternativi a 360°. Il nostro obiettivo è quello di portare questi servizi più vicini dandogli un denominatore unico, ovvero un’experience unica e valida per tutti. Questo permetterà alle persone di semplificare l’accesso alla nuova mobilità e di aumentarne l’adozione. Noi vogliamo diventare un punto di riferimento per la mobilità cittadina. Se da un lato il ruolo dei tassisti con licenza rimarrà sempre di cruciale importanza nella nostra offerta, dall’altro crediamo che sia necessario poter offrire anche altre opzioni di mobilità.

Anche se i taxi con licenza saranno sempre il cuore della nostra offerta, nell’ultimo anno abbiamo iniziato a includere altri servizi all’interno della nostra piattaforma: lo dimostrano le importanti integrazioni di Cooltra, VOI Technology e presto SHARE NOW, tutti servizi che non sono legati ai taxi. Quindi, come potete immaginare, il nome mytaxi non era più adatto alla nostra piattaforma.

Cosa significa veramente FREE NOW?

La libertà fa parte del DNA del nostro brand – FREE sta per FREEDOM, ossia libertà di movimento, di scegliere il mezzo di mobilità più adeguato alle esigenze del cittadino, potendo usufruire dell’intera esperienza di viaggio, dalla prenotazione al pagamento del servizio, direttamente attraverso un’unica app. Alla base di questo concetto c’è quindi la volontà di offrire ai nostri utenti un servizio di trasporto che sia sicuro, affidabile e flessibile.

In Europa

Siamo parte della famiglia YOUR NOW, nata dalla joint venture tra due giganti della mobilità, Daimler e BMW. In essa troverete CHARGE NOW (ricarica), SHARE NOW (car-sharing) e FREE NOW (aggregatrice di servizi di mobilità). Ognuno di questi verticali (non tutti disponibili in ogni Paese) gioca un ruolo chiave nella visione di Daimler e BMW di rivoluzionare il settore della mobilità urbana.

A questo punto, perchè esistono SHARE NOW e FREE NOW come entità separate sotto lo stesso cappello di Bmw e Daimler Mercedes?

Come aziende sorelle e leader nei loro rispettivi campi, FREE NOW e SHARE NOW erano predestinate a cooperare. La partnership contribuisce all’obiettivo comune che unisce le due aziende: rendere la mobilità nelle città più sostenibile e ridurre i volumi di traffico a lungo termine.

 

Mentre FREE NOW è diventata la principale piattaforma aggregatrice di servizi di mobilità, offrendo il maggior numero di veicoli a più di 50 milioni di utenti in un’unica app – che vanno dagli eScooter, agli scooter, taxi, e car sharing, SHARE NOW è il leader di mercato e pioniere del car sharing free-floating, in 16 città europee con circa 11.000 veicoli, 2.900 dei quali elettrici. Più di tre milioni di clienti utilizzano già il servizio di car sharing dell’operatore.

Due realtà perfettamente integrate ma autonome: da un lato SHARE NOW continua ad offrire un facile accesso alla mobilità flessibile oltre che sostenibile grazie alla sua ampia offerta di auto condivise, dall’altro FREE NOW offre ai propri utenti la piattaforma aggregatrice leader per i servizi di mobilità, offrendo il maggior numero di mezzi – dalle automobili elettriche e a combustione, ai monopattini, scooter elettrici e taxi, incluse appunto, le auto in condivisione della flotta SHARE NOW.

Un utente FREE NOW non deve scaricare l’app SHARE NOW, se vorrà prenotare una macchina SHARE NOW.

In poche parole, mentre SHARE NOW fornisce un rapido accesso a una mobilità flessibile che combina tutti i vantaggi dell’uso dell’auto privata senza però doversi impegnare nel possesso di un’auto privata, FREE NOW collega tutti i possibili modi di spostarsi in un’unica app. Con l’integrazione, le auto SHARE NOW saranno rese disponibili anche all’interno dell’app FREE NOW, per offrire il car sharing a un numero ancora maggiore di persone, con l’obiettivo comune di promuovere offerte di mobilità multimodale e aumentare in modo sostenibile la qualità della vita nelle nostre città.

 

—–

Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche sui social come FacebookTwitter, PinterestInstagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.

 

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

polizia notifica di una multa

Autovelox in Lombardia: tutte le postazioni dal 18 al 24 Ottobre

Hongqi-E-HS9

Hongqi E-HS9: il suv elettrico cinese che si ispira a Rolls Royce e Velar

Volkswagen Tiguan Allspace 2021

Volkswagen Tiguan Allspace 2021 a partire da 39.500 Euro