Mercedes EQA

Con Mercedes me Charge la ricarica elettrica arriva da fonti rinnovabili

Mercedes garantisce che venga immessa nella rete elettrica una quantità di corrente equivalente prodotta da fonti energetiche rinnovabili.

28 gennaio 2021 - 13:00

Grazie a Mercedes me Charge i clienti delle auto elettriche di Mercedes hanno accesso a più di 175.000 punti di ricarica pubblici in Europa di diversi fornitori, e possono usufruire di una funzione di pagamento integrata con addebito unico. Spesso però non è possibile sapere se una stazione di ricarica pubblica eroga corrente elettrica ‘green’ oppure corrente prodotta da fonti energetiche non rinnovabili, perché questo sta alla responsabilità dei diversi gestori delle stazioni di ricarica.

Per contrastare questa mancanza di trasparenza e favorire l’uso di corrente elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili, Mercedes è il primo costruttore d’auto a offrire garanzie d’origine volte a rendere più ecologiche le ricariche. Si assicura quindi che per la ricarica delle vetture elettriche venga immessa nella rete elettrica una quantità di corrente equivalente prodotta da fonti energetiche rinnovabili. Ciò significa che la quantità di energia prelevata ad ogni ricarica viene compensata con corrente elettrica ‘green’.

Non solo, per evitare sprechi, grazie alla navigazione grazie all’Electric Intelligence il sistema a bordo dell’automobile pianifica in modo intelligente il percorso più veloce, includendo anche le soste per la ricarica, ed è in grado di reagire dinamicamente ai cambiamenti che subentrano, ad esempio le code. Nel calcolo del tragitto confluiscono, tra gli altri, l’autonomia elettrica ed il consumo di corrente in quel momento, la topografia del tragitto previsto e le temperature presenti.

Altri fattori presi in considerazione riguardano la situazione del traffico sul tragitto pianificato e le stazioni di ricarica disponibili, con la relativa potenza. C’è da dire che non sempre è necessario caricare la vettura completamente, dal momento che alla stazione di ricarica riceve un’indicazione concreta del tempo di ricarica richiesto. Le soste alle stazioni di ricarica vengono pianificate in modo da garantire la modalità più conveniente rispetto al tempo di viaggio complessivo. Può capitare che ricaricare due volte per un breve tempo con una potenza di ricarica superiore sia complessivamente più rapido rispetto ad una sola ricarica più lunga.

Se l’autonomia è scarsa, il controllo attivo dell’autonomia dà consigli come “Climatizzatore OFF” o “Seleziona programma di marcia ECO”. Inoltre nel programma di marcia ECO viene calcolata e rappresentata nel tachimetro una velocità di marcia più efficiente con la quale è possibile raggiungere la stazione di ricarica più vicina o la destinazione pianificata. Attivando il DISTRONIC, a richiesta, tale velocità viene importata automaticamente. Inoltre, in questo programma di marcia si adotta una gestione previdente dell’utilizzo di energia da parte degli utilizzatori secondari, così da ridurre il fabbisogno elettrico richiesto e quindi incrementare l’autonomia in base alla situazione specifica.

—–

Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche sui social come FacebookTwitter, PinterestInstagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.

 

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

acquisto di un'auto nuova migliori B-SUV offerte auto sconti promozioni

Avete deciso per l’acquisto di un’auto nuova? Ecco i consigli per scegliere bene e non prendere fregature.

Skoda Scala Metano G-TEC

Skoda Scala G-Tec a metano è efficiente, confortevole e risparmiosa

Tu Simple

Un camion autonomo Tu Simple ha trasportato angurie dall’Arizona a Oklahoma City per 1.500 km