Il CEO di Rolls-Royce dice che le morti causa COVID-19 hanno aiutato le vendite

Gianluca Pezzi
11/01/2022

Il CEO di Rolls-Royce dice che le morti causa COVID-19 hanno aiutato le vendite

Avete mai sentito parlare bene del COVID-19? No? Ci ha pensato l’amministratore delegato di Rolls-Royce, Torsten Müller-Ötvös, che ha spiegato al mondo perché quest’anno per la casa inglese le cose sono andate in maniera fantastica.

Preparatevi, perché la rivelazione fatta alla Reuters spazza via le convinzioni per la “crisi” causata la dal coronavirus. “Il Covid ha costretto molte persone a stare ferme, a non viaggiare più e per questo motivo c’è un bel po’ di ricchezza accumulata e che viene spesa in beni di lusso. Abbiamo approfittato di questo andamento“. Buono a sapersi. Mentre mezzo mondo annaspa, c’è chi ha accumulato ricchezza. Ma andiamo oltre.

Nell’intervista completa sul Financial Times, Müller-Ötvös, il signore che vediamo nella foto di apertura in posa sorridente, ci spiega anche che “In molti hanno assistito alla morte di persone della loro comunità a causa del Covid, il che le porta a pensare che la vita può essere breve, e che è meglio vivere ora piuttosto che rimandare a una data successiva. Anche questo ha aiutato le vendite di Rolls-Royce in modo massiccio“.

Che dire di più? Il commento fatelo voi. Chissà, forse a Goodwood hanno stappato bottiglie in onore del COVID-19 per l’aiuto ricevuto. Forse l’avranno fatto anche i proprietari di Rolls-Royce, ovvero il BMW Group, a Monaco di Baviera.

Che il mondo degli affari fosse cinico lo sapevamo, ma che un amministratore delegato di una casa automobilistica si dimostrasse così tronfio nel gongolarsi di aver “ricevuto” il coronavirus come fosse manna dal cielo, questo non ce l’aspettavamo.

 

—–

Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche sui social come FacebookTwitter, PinterestInstagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.

telegram