Come funziona la toilette in aereo? Il segreto dietro lo sciacquone.

toilette in aereo toilette in aereo

Il funzionamento della toilette in aereo, dall’aspirazione a vuoto ai serbatoi sigillati. Svela il mistero di cosa succede quando tiri lo sciacquone a 10.000 metri di altezza.

Chi di voi si è mai chiesto cosa succede quando usiamo lo sciacquone delle toilette in aereo? Se avete immaginato che il contenuto della toilette dell’aereo possa cadere dal fondo dell’aereo e finire da qualche parte non siete andati troppo lontano. Questo succedeva però nei primi aerei dotati di bagno, che come abbiamo scritto tempo fa è una invenzione tutta italiana.

Quando i voli commerciali hanno preso piede, e soprattutto sono state introdotte le cabine pressurizzate, anche i sistemi per il bagno hanno subito un aggiornamento. Le linee aeree hanno inizialmente introdotto una toilette che utilizzava un gel deodorante blu che eliminava i rifiuti e combatteva gli odori.

Tutto bene? Non proprio: era comunque necessario trasportare tutti i residui, sprecando carburante prezioso e limitando lo spazio dedicato passeggeri. Non solo: i serbatoi di stoccaggio erano posti direttamente sotto i servizi igienici, quindi l’odore a volte si diffondeva nella cabina.

E non finisce qui, perchè talvolta capitava che i rifiuti della toilette uscissero verso l’esterno, ghiacciandosi. Quando l’aereo scendeva, lasciava cadere anche un misto di blu e qualcos’altro, che a volte cadeva a terra danneggiando auto e case sottostanti.

Ma ecco che finalmente nel 1975, James Kemper riuscì a progettare la moderna toilette per aereo. Le caratteristiche principali vedevano un wc antiaderente, una piccola quantità liquido disinfettante e per finire una potente aspirazione a vuoto. A questo punto c’era tutto.

Ma come funziona la toilette in aereo?

Quando si tira lo sciacquone di un aereo, una botola, nella base si apre il liquido viene rilasciato e tutto viene aspirato velocemente. I rifiuti sfrecciano attraverso le tubature fino alla parte posteriore dell’aereo, dove vengono immagazzinati in serbatoi sigillati, ben lontani dai passeggeri, finché l’aereo non atterra.

Durante le fasi di pulizia e rifornimento carburante, un camion preleva i rifiuti e li smaltisce nella rete fognaria sotterranea dell’aeroporto.

A proposito, sapete che i bagni non sono i punti più sporchi di un aereo? Qui l’agghiacciante verità sulle zone meno pulite dopo ogni volo!

 

Non perderti le ultime notizie e condividi opinioni ed esperienze commentando i nostri articoli:

• Iscriviti ai nostri canali Telegram e Whatsapp per gli aggiornamenti gratuiti.
• Siamo su Mastodon, il social network libero da pubblicità e attento alla privacy.
• Se preferisci, ci trovi su Flipboard e su Google News: attiva la stella per inserirci tra le fonti preferite!