carro attrezzi

Sfida folle tra carro attrezzi a Torino: maxi multe e patenti ritirate

La corsa tra i due mezzi di soccorso per arrivare primi sul luogo di un incidente si è trasformata in un boomerang.

15 gennaio 2020 - 13:00

Due carro attrezzi hanno usato le strade di Torino per simulare una corsa. Nella realtà i due folli autisti per si sono messi in competizione per arrivare come primi sul luogo di un incidente e quindi servire per primi le automobili coinvolte nell’incidente.

Tuttavia hanno rischiato di provocarne altri di incidenti a loro volta. Dopo una segnalazione, è toccato alla Polizia Municipale del capoluogo piemontese fermarli e contestare loro una multa salata che servirà di lezione, per tutti.

SOCCORSO VELOCE MA IN SICUREZZA

Una delle prime regole del soccorso stradale è arrivare il prima possibile sul luogo dell’incidente. Tuttavia chi prima arriva… più lavora. Con questo presupposto si sono ‘ingarellati’ i due autisti di carro attrezzi multati a Torino. Ricevuta la notizia di un incidente in piazza Rebaudengo, periferia Nord della città si sono precipitati a velocità elevata lungo corso Vercelli una delle vie più trafficate. Infatti la freccia del tachimetro è arrivata a superare i 120 km/h. Una velocità assolutamente folle per un mezzo di soccorso.

MULTA

Una folle corsa che si è conclusa con l’alt intimato dagli agenti della polizia municipale. Tuttavia, ai due uomini al volante, entrambi italiani di 27 e 44 anni, è costata ritirata la patente ed inflitta una multa a tre zeri a seguito delle 21 violazioni del Codice della Strada

Per uno dei due autisti è scattata una multa di duemila euro e una decurtazione di 88 punti sulla patente. All’altro invece è stata contestata una multa di 700 euro e decurtati 27 punti sulla patente.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Peugeot 205 Gentry

Peugeot 205 Gentry: la youngtimer anti Clio Baccara

Hyundai XCIENT Fuel Cell

Hyundai XCIENT Fuel Cell: il camion a idrogeno arriva in Europa

Aston Martin DBX

Aston Martin DBX: il primo esemplare esce dalla fabbrica in Galles