Tour de Force Power Engineering TDF-1

TDF-1 permette a tutti di pilotare una vera F1 in pista

Basta avere 1,8 milioni di euro... sia chiaro.

22 settembre 2020 - 19:00

TDF-1 realizza il sogno di chi vuole serdersi alla guida di una monoposto di F1 e sfrecciare su un vero circuito. Bello vero? Ma come fare con potenze che sono tutto fuorché umane? L’azienda inglese TDF ha risolto il problema in grande stile. TDF è l’acronimo di Tour de Force Power Engineering e vanta al proprio interno uno staff di ex ingegneri di F1 che effettuano il restauro, la manutenzione e il supporto in pista di molte auto di F1 dopo le loro stagioni nel campionato del mondo. Se vi ricordate, avevamo parlato proprio di queste vetture da F1 in occasione della Ferrari di Alesi e Berger all’asta da Sotheby’s.

Cosa fa TDF? Prende veri telai di vetture di Fomula 1 e installa motori più facili da gestire. La  TDF-1, ad esempio, utilizza come base un telaio Marussia 2011 o Sauber 2012. Il gruppo propulsore TDF comprende un motore 2,4 litri turbo 4 cilindri che eroga 600 CV a 9.000 giri / min e una trasmissione semiautomatica a 6 marce.

Il risultato è un’auto che offre il 95 percento delle prestazioni in pista di un’equivalente vettura da F1, con tutte le dinamiche di guida avvertite dai piloti Marussia e Sauber durante le stagioni 2011/2. Per dare l’idea, nella configurazione di qualifica, il TDF-1 riesce a generare un’accelerazione di 4,0 g nelle curve ad alta velocità e 4,5 g in frenata.

Il propulsore di TDF-1 è oltremodo robusto e molto affidabile, offrendo ai piloti un pacchetto economico da gestire e mantenere. Si avvia con la semplice pressione di un pulsante sul volante e deve essere sottoposto a manutenzione annuale.

Attenzione, perchè non si tratta di uno scherzo:  le auto costeranno 1,5 milioni di sterline ovvero quasi 1,8 milioni di euro.

Guidare un TDF-1 è difficilmente paragonabile ad alcuna esperienza in pista. La reattività, l’equilibrio e l’agilità non sono secondi a nessuno e la velocità pura è incredibile.  Jessica Hawkins, che si occupa dei test in pista della TDF-1 dice che  “come pilota professionista, sono stata al volante di auto impressionanti, ma nulla si avvicina alla TDF-1. Abbiamo lavorato duramente per sviluppare una gamma di allestimenti adatti a tutti i livelli di esperienza e abilità. Il risultato finale è un pacchetto che aiuta chi guida ad acquisire fiducia per poter iniziare a spingere al limite la TDF-1“.

Secondo TDF, avendo rimosso parte della complessità derivante dalla guida di una moderna vettura da F1, i clienti possono concentrarsi sull’esperienza di guida anziché sui vari sistemi di bordo.

 

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

WorldSBK France

SBK 2021: gli orari di TV8 e SKY del round del Round di Catalunya a Barcellona

PLF per viaggiare

Cos’è il modulo PLF, quando serve e come ottenerlo

Renault Clio E-Tech Hybrid

Renault Clio Hybrid: l’ibrida per la città, comoda per viaggiare