viasat ecall

Viasat e-call: chiamata emergenza automatica con AREU

13 febbraio 2020 - 12:05

Viasat offre il servizio di chiamata di emergenza automatica in caso di incidente per garantire il massimo della sicurezza grazie anche all’accordo con AREU (Agenzia Regionale Emergenza Urgenza).

L’intesa regola l’accesso ai servizi di chiamata di emergenza erogati dalla Centrale Unica di Risposta NUE 112 da parte dei “Third Party Service Providers” (TPSP). L’iniziativa è partita partita a maggio 2017, anticipando l’entrata in servizio dell’eCall europeo, sistema diventato obbligatorio, come noto, su tutti i nuovi modelli di auto omologati a partire dal 1° aprile 2018, ma sul mercato solo nei prossimi anni.

Si tratta di un servizio che Viasat offre da diversi anni ai propri clienti con le black box assicurative o gli antifurti satellitari, garantendo un’assistenza H24 in caso di incidente, grazie alla propria Centrale Operativa. Se il sistema di bordo rileva un urto, invia immediatamente un alert automatico alla Centrale che è in grado di collegarsi in vivavoce con l’automobilista (in particolare per i dispositivi installati a parabrezza come l’sosCall) per verificare la situazione e inviare tempestivamente i soccorsi laddove necessario.

Grazie all’accordo tra AREU, di concerto con il MiSE, e TSP Association si potrà offrire un servizio analogo al Sistema eCall europeo anche per i veicoli fuori da questo ambito, purché dotati di una black box, in grado di trasmettere un allarme automatico in caso di incidente alla Centrale Operativa del TPSP. In tal modo tutte le informazioni necessarie alla gestione dell’emergenza potranno essere tempestivamente trasferite ad AREU, secondo un rigido protocollo già concordato e attivato tra le parti.

A questo si aggiunge anche il coinvolgimento di VEM Solutions, società di Ricerca & Sviluppo del Gruppo Viasat, nel Progetto Europeo sAFE che eredita quanto fatto nelle tre precedenti iniziative pilota europee HeERO, HeERO2 e iHeERO. Queste ultime hanno sviluppato e validato l’architettura di servizio eCall pubblico e TPSP eCall attualmente in esercizio, ponendo le basi per l’estensione del servizio a tutte le categorie di veicoli (motoveicoli, veicoli commerciali, camion), attualmente non contemplate, per adeguare il sistema all’evoluzione delle tecnologie di rete (NGeCall – Next Generation eCall), nell’ottica di un processo di certificazione per l’after-market eCall, oggetto del progetto sAFE.

Tale sistema non è solo fondamentale per contribuire a ridurre i rischi e salvare vite umane ma consente di avere una gestione intelligente delle priorità delle chiamate di emergenza. Viasat gestisce, solo in Italia, un parco veicoli di oltre 700 mila veicoli, potenzialmente interessati dal sistema eCall che possono generare migliaia di segnalazioni. Indirizzarle opportunamente, validando solo quelle che richiedano effettivamente un soccorso, significa ridurre in maniera considerevole l’impatto operativo su AREU per l’avvio delle procedure di soccorso. In questo modo si contribuisce a rendere sempre più tempestivi gli interventi.

Sempre in tema emergenze, ricordiamo l’app 112 Where are you che può ovviamente essere utilizzata da tutti in caso di necessità.

 

—–

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguiteci su Facebook, Twitter, Instagram e Flipboard. Non esitate ad inviarci le vostre opinioni e le vostre segnalazioni commentando i nostri post.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

League of Legends

Mercedes-Benz e A Bathing Ape partner ufficiali di League of Legends

nuova mini countryman

Nuova Mini Countryman: tutte le caratteristiche e prezzi

spoticar

Spoticar: come funziona il motore di ricerca dell’usato di tutte le marche