monopattini elettrici milano

A Milano parte la rimozione forzata di monopattini e biciclette in sosta vietata

Basta con i monopattini parcheggiati male

14 ottobre 2020 - 7:00

Milano non ne può più dell’uso selvaggio e finalmente prende la decisione di procedere alla rimozione forzata di monopattini e biciclette, in sharing o in proprietà, in sosta vietata intralciando il passaggio dei pedoni. Il servizio parte in via sperimentale e sarà svolto a partire dall’area della Cerchia dei bastioni per poi estendersi a tutta la città grazie all’ausilio delle pattuglie della Polizia locale che controllano il territorio e che richiederanno l’autocarro per la rimozione su tutto il territorio comunale.

Il rispetto delle regole da parte di tutti è fondamentale anche per quel che riguarda la sosta. Monopattini e biciclette non devono diventare un ostacolo o un intralcio: ci si augura che il buonsenso di chi li utilizza prevalga, nel mentre è indispensabile attivare la rimozione forzata e  verificarne l’efficacia.

In questa prima fase sarà posta particolare attenzione alle soste vietate che maggiormente costituiscono ostacolo o impedimento, soprattutto per i pedoni. Si parla quindi di monopattini parcheggiati sul marciapiede fuori dagli appositi spazi destinati ai velocipedi, in corrispondenza di scivoli o sui parcheggi dedicati alle persone con disabilità, in senso non longitudinale alla carreggiata dove vi sono attraversamenti pedonali e intersezioni, davanti ai passi carrai e sugli spazi destinati alle fermate del trasporto pubblico locale.

Il furgone di ATM può contenere fino a 16 tra monopattini e biciclette ed effettuerà il servizio dal lunedì alla domenica dalle 8 alle 13 e dalle 13:30 alle 20, ovviamente sarà presente un agente della Polizia locale. I veicoli rimossi saranno depositati per la custodia presso il deposito ATM di via Palizzi.

Quello che non è chiaro, è a chi saranno addebitate multe e costi. Questo perché, a differenza di quanto avviene con le auto o le moto, un monopattino è facilmente spostabile da chiunque, e non è detto che sia stato parcheggiato male dal proprietario o dall’ultimo utilizzatore del monopattino in sharing. Facciamo un esempio: se uno parcheggia bene il monopattino e passa un vandalo e la butta in mezzo al marciapiede, chi paga? La società che gestisce il servizio? L’ultimo che l’ha utilizzato? Nessuno dei due? Vedremo cosa accadrà nei prossimi giorni.

 

—–

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social. Vi invitiamo a seguire Quotidianomotori.com su Google News, ma anche su FlipboardFacebookTwitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

monopattini elettrici mascherina

Monopattini elettrici: mascherina obbligatoria

monopattini elettrici sanzioni multe

I monopattini a Copenhagen sono stati banditi dal centro

The Boring Company Loop System

Elon Musk ha rivelato quando verrà aperto il primo Vegas Loop di Boring Company