Nuovo viadotto Genova San Giorgio

Nuovo viadotto Genova San Giorgio: la sicurezza stradale del ponte

Il viadotto dispone di soluzioni tecnologiche di alto livello per monitorare il buono stato della struttura e la sicurezza stradale passiva

8 settembre 2020 - 19:00

Nuovo viadotto Genova San Giorgio, a due anni dal terribile crollo del ponte Morandi, responsabile di 43 vittime, oltre 500 sfollati e una ferita ancora aperta nel cuore della città e dell’intero Paese, il nuovo viadotto firmato Renzo Piano è stato inaugurato in presenza delle massime autorità politiche.

La cerimonia si è conclusa con un arcobaleno che ha abbracciato la vallata attorno al Polcevera, il torrente su cui sorge il nuovo ponte, auspicando una nuova svolta virtuosa anche sotto il profilo occupazionale messo a rischio dalla pandemia.

Dietro alla realizzazione del progetto da 202 milioni di euro, definito dal premier Giuseppe Conte “un’opera mirabile, frutto del genio italico”, c’è infatti una cordata di piccole e medie imprese italiane che ha impiegato più di mille professionisti e 330 aziende, chiamate per l’occasione a uno sforzo straordinario.

Tra le novità installate sul viadotto spiccano uno speciale sistema di deumidificazione (pensato per scongiurare la formazione di condensa salina e danni da corrosione), due robot che effettueranno continue “radiografie” alla struttura, senza interrompere il traffico e dispositivi d’eccellenza per quanto riguarda la sicurezza stradale.

A occuparsi di quest’ultimo aspetto è stata SMA Road Safety, impresa campana dal curriculum internazionale, grazie alla partecipazione a progetti internazionali di primissimo piano come l’Eurasia Tunnel di Istanbul, le nuove autostrade di Doha in Qatar e il ponte marittimo Sheikh Jaber Causeway nella Kuwait Bay, il quarto più lungo al mondo ed esempio di architettura avveniristica costato miliardi di dollari.

I dispositivi installati dall’azienda di Marcianise sul nuovo ponte sono attenuatori d’urto, indispensabili per la messa in sicurezza di punti critici e appartenenti alla famiglia Leonidas: testati con furgoncini pick-up da 2000 kg lanciati a 130 km/h. I prodotti di SMA proteggono gli ostacoli fissi (caselli autostradali, pilastri, cuspidi, barriere) in caso di impatto senza mai compromettere l’incolumità dei passeggeri a bordo dell’abitacolo.

Nello specifico, la sicurezza stradale del nuovo viadotto Genova San Giorgio è assicurata da Leonidas 80 SemiWide Slim, l’unico attenuatore sul mercato per le diramazioni asimmetriche, e il modello Leonidas 80 WideSlim.
Inoltre, per il Porto di Genova, SMA Road Safety ha deciso di donare un Armadillo, attenuatore d’urto adatto alla protezione delle cuspidi e studiato appositamente per gli amanti delle due ruote, spesso vittime di protezioni inadeguate.

—–

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguiteci su Facebook, Twitter, Instagram e Flipboard. Non esitate ad inviarci le vostre opinioni e le vostre segnalazioni commentando i nostri post.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Nuovo Toyota C-HR GR Sport

Nuovo Toyota C-HR GR Sport a partire da 37.600 €

Hyundai i20 Hybrid Connectline

Offerte Hyundai Gennaio 2021: maxi rottamazione su tutti i modelli

Kia Sorento Blind-Spot View Monitor

Kia conferma la collaborazione con aziende straniere: si tratta di Apple?