Club Italiano del Monopattino Elettrico: la posizione sui fatti di Torino

E noi siamo d'accordo con loro.

9 novembre 2019 - 10:00

Torniamo a parlare dei monopattini elettrici a Torino, dopo la spiegazione sul perchè delle multe che abbiamo pubblicato ieri. L’occasione ce la offrono i nostri amici del Club Italiano del Monopattino Elettrico, ovvero la più ampia comunità italiana del settore, presente da tempo su Facebook con un gruppo nutrito di utenti.

I fatti di Torino, con le conseguenti dimissioni del comandante dei vigili“, ci raccontano”, “ci hanno fatto riflettere e hanno anche messo un po’ di timori tra i nostri membri che ora si chiedono cosa rischiano se vengono fermati, alcuni vogliono vendere il monopattino sfiduciati dai continui avvenimenti a sfavore dei monopattinisti”.

In particolare, il Club Italiano del Monopattino Elettrico tiene a specificare che, a prescindere da come vengono considerati i monopattini elettrici a seconda delle diverse realtà nazionali, il consiglio è sempre quello di informarsi se il comune dove si circola ha aderito alla sperimentazione. A questo proposito, qui potete trovare la mappa di quelli che hanno aderito.

Ormai i monopattini elettrici sono una realtà ed è inutile dire il contrario: la tecnologia si evolve, il mondo cambia e non possiamo rimanere ancorati ancora a spostamenti scomodi, costosi e anche stressanti che inquinano e non portano benefici ai cittadini. Questo mezzo è green, si ricarica con l’elettricità e non emette gas nocivi. Permette di evitare di usare mezzi privati pubblici, facendo sui costi di trasporto“.

C’è da dire che l’esplosione della moda dei monopattini ha spiazzato tutti, e di certo l’intricato decreto voluto dall’ormai ex Ministro Toninelli non ha di certo aiutato. Se da un lato i comuni hanno diritto di scegliere se partecipare o meno alla sperimentazione, il percorso legislativo mette gli organi di polizia locale nella condizione di dover interpretare, aggiungendo confusione alla confusione.

Rispettiamo i vigili e apprezziamo l’immenso lavoro che stanno e dovranno affrontare e capiamo anche che per loro in questo momento non è facile prendere delle decisioni. Nel caso di Torino però, il Club Italiano del Monopattino Elettrico ritiene che ci perdano un po’ tutti: Comune, Polizia Locale e cittadini. Non solo, chi usa il monopattino elettrico è visto come un criminale, e questo solo perchè la legge non è chiara. Eppure basterebbe equiparare i monopattini elettrici alle biciclette: secondo noi molti problemi si risolverebbero facilmente“.

Cosa dire invece di chi usa i monopattini senza criterio? “E’ vero: che al di là della sperimentazione, in strada serve buon senso da parte di tutti. Ognuno deve fare la propria parte. Come club non ci stanchiamo mai di dire che  dobbiamo circolare con coscienza e rispetto delle regole. Abbiamo il nostro decalogo sulla sicurezza, invitiamo tutti a seguirlo. Sicuramente quanto accaduto a Torino servirà per avere più dialogo tra istituzioni e organi di polizia, ma una cosa è certa: i monopattini elettrici sono realtà già oggi, e come tale non si potrà fermare“.

Commenta per primo