Extreme E Arctic Prix

Extreme E Arctic Prix: domenica 29 agosto il terzo appuntamento

Da venerdì 27 agosto iniziano le qualifiche per questo particolare campionato trasmesso in Italia da Mediaset!

24 agosto 2021 - 19:00

Dopo l’esordio con il Desert Prix, e il secondo appuntamento con l’Ocean Prix, i piloti e i team torneranno a confrontarsi nell’Extreme E Arctic Prix, terza tappa del nuovo campionato tutto a tema sostenibilità. Il 29 agosto, dopo le prove e le qualificazioni del 28, si terrà il primo evento motoristico in Groenlandia, e nello specifico a Kangerlussuaq.

Il terzo appuntamento è molto importante sotto non pochi punti di vista. Primo, perché la più grande isola del mondo è particolarmente toccata dai cambiamenti climatici; secondo, perché sono stati apportati alcune modifiche al regolamento, in ottica di miglioramento e, forse, maggiore coinvolgimento del pubblico rispetto alle prime due gare.

In Italia, Extreme E Arctic Prix può essere seguito sui canali Sportmediaset.it e Mediaset 20, secondo la seguente programmazione:

Venerdì 27 Agosto 2021
Ore 21.00: Shakedown – Sportmediaset.it

Sabato 28 Agosto 2021
Ore 13.30: Qualifiche 1 – Sportmediaset.it;
Ore 18.00: Qualifiche 2 .- Sportmediaset.it;

Domenica 29 Agosto 2021
Ore 12.00: Semifinali 1 e 2 su Sportmediaset.it;
Ore 16.00: Gare su Mediaset 20 e Sportmediaset.it;

Extreme E Arctic Prix: la situazione attuale e le novità

Attualmente, la classifica di Extreme E è dominata dal team RXR, fondato da Nico Rosberg, con la coppia di piloti Johan Kristofferson (Svezia) e Molly Taylor (Australia), al primo posto con 71 punti. Segue il team X44 di Lewis Hamilton, con Sébastien Loeb (Francia) e Cristina Gutiérrez (Spagna), al secondo posto con 57 punti. Chiude il podio il team JBXE di Jenson Button, con il duo svedese Hevin Hansen e Mikaela Åhlin-Kottulinsky, al terzo posto con 44 punti.

Extreme E Arctic Prix, come detto, si terrà a Kangerlussuaq, nella Groenlandia occidentale e sede del grande ghiacciaio Russell, imponente sfondo del prossimo weekend. Una zona scelta perché sottolinea in modo evidente la crisi climatica. Parte del percorso, infatti, era in precedenza occupato dal ghiacciaio, che si è però sciolto per via dell’aumento accelerato della temperatura.

Il percorso, in totale, misura 8 km e offrirà una nuova sfida ai piloti, grazie alla superficie composta sia di sedimenti glaciali, che di rocce e dune di sabbia, seppur diverse da quelle del Desert Prix in Arabia Saudita. Il circuito si apre in aree che permettono di intraprendere diverse linee di gara, e anche sezioni tecniche attorno a varie rocce.

Oltre alla nuova tipologia di terreno, che obbligherà i team a modificare l’assetto delle auto, l’Arctic Prix vede aggiornare il formato di Extreme E. Per prima cosa, ora tutte le squadre avranno l‘opportunità di passare alla finale, rendendola una battaglia a cinque auto. Inoltre, ci saranno nuovi percorsi per le semifinali e una classifica intermedia dei punti assegnati dopo la giornata delle qualificazioni.

Nella giornata di sabato 28 agosto, quindi, si svolgeranno le qualifiche in due sessioni (una al mattino, una al pomeriggio), con ogni squadra che completerà due giri del percorso, uno per pilota e sempre con il celebre Switch – quando i due corridori del team si danno il cambio. I tempi della sessione mattutina equivarranno a punti di classifica, e nello specifico saranno:

  • 9 per il primo posto;
  • 8 per il secondo;
  • 7 per il terzo;

E così via. Lo stesso avverrà poi nella sessione pomeridiana. Il totale combinato di questi punti di classifica fornisce le classifiche intermedie, basate questa volta sui punti e non più sui tempi, come invece accadeva in Arabia Saudita e in Senegal. Gli organizzatori hanno dato quindi un’opportunità più equa a tutte le squadre di progredire, in quanto con il regolamento precedente bastava un tempo scarso o un DNF per scendere di classifica. Attenzione, però, che i punti intermedi non equivalgono ai punti del campionato, che saranno invece assegnati alla solita maniera.

Come si svolgeranno le gare

Facciamo, quindi, un piccolo recap del complesso regolamento di Extreme E Arctic Prix:

  • Le squadre si classificheranno dal primo al nono posto a seconda del totale combinato dei punti delle due sessioni di qualificazione;
  • I team al 1°, 5° e 6° posto passano alla Semifinale 1, nella quale i primi due classificati si aggiudicheranno un posto in finale;
  • I team al 2°, 3° e 4° posto passano alla Semifinale 3, nella quale i primi due classificati si aggiudicheranno un posto in finale;
  • Le ultime tre squadre, quelle dal settimo al nono posto, si affronteranno alla Crazy Race, e la prima classificata si aggiudicherà il posto in finale.
  • La nuova finale, quindi, includerò cinque auto, e non più tre come avveniva in precedenza.
  • Rimsne il “Super Sector”, ovvero una parte del percorso in cui il pilota più veloce del fine settimana, solo in quella sezione, guadagnerà 5 punti per la sua squadra.

Queste le squadre che si affronteranno:

  • ABT Cupra XE – Mattias Ekström e Jutta Kleinschmidt;
  • Acciona | Sainz XE Team – Carlos Sainz e Laia Sanz;
  • Andretti United Extreme E – Timmy Hansen e Catie Munnings;
  • Chip Ganassi Racing – Kyle LeDuc e Sara Price;
  • Xite Energy Racing – Oliver Bennet e Christine Giampaoli Zonca;
  • JBXE – Kevin Hansen e Mikaela Åhlin-Kottulinsky;
  • Rosberg X Racing (RXR) – Johan Kristoffersson e Molly Taylor;
  • Veloce Racing – Stéphane Sarrazin e Emma Gilmour;
  • X44 – Sébastien Loeb e Cristina Gutiérrez;

Il GridPlay

A partire dalla giornata di mercoledì 25 agosto, ore 11.00, si aprirà il voto di GridPlay, che permette ai fan di votare per la loro squadra del cuore, influenzando la formazione iniziale per la finale. Il GridPlay rimarrà aperto fino alle 13.00 di domenica 29 agosto.

La Groenlandia

Come ormai abbiamo imparato, Extreme E ha un lato ludico e uno informativo, e si chiama così proprio perché si svolge nelle aree più estreme del pianeta, nonché quelle più colpite dai cambiamenti climatici. Proprio l’isola artica è al centro della crisi climatica, perché vede la sua calotta glaciale sciogliersi sempre più velocemente.

Proprio per questo, tre membri del comitato scientifico di Extreme E saranno nella grande isola danese con vari workshop, e per proseguire le loro ricerche. Ecco perché l’Arctic Prix e la Groenlandia fungono da punto di svolta, che riunirà diverse persone e organizzazioni impegnate nella lotta ai cambiamenti climatici.

Inoltre, Extreme E ha stretto una partnership con Unicef per sensibilizzare i circa 3.600 giovani groenlandesi sul tema, aiutandoli a comprendere e affrontare i problemi legati al clima che li coinvolgeranno in prima persona e li metteranno a rischio.

—–

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram. Vi invitiamo a seguirci anche su Google News cliccate qui sotto per l’iscrizione gratuita!

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

stellantis lg

Stellantis apre con LG un impianto per la produzione batterie per auto elettriche in Nord America

polizia notifica di una multa

Autovelox in Lombardia: tutte le postazioni dal 18 al 24 Ottobre

Hongqi-E-HS9

Hongqi E-HS9: il suv elettrico cinese che si ispira a Rolls Royce e Velar