Mazda 9 Rendering

Mazda 9 Rendering: il marchio nipponico nel mondo hypercar?

Mazda facci almeno un pensierino!

30 luglio 2020 - 16:00

Attualmente, a parte la MX-5, Mazda non ha in gamma nessuna auto sportiva. Anche la sua storica serie RX ha cessato di esistere con l’ultima RX-8, e dopo la fine della permanenza del gruppo Ford una profonda revisione interna ha fatto sì che il marchio nipponico puntasse ad auto sì all’insegna della sportività, ma soprattutto concentrata sul design, sul piacere di guida e sulla qualità degli interni. Ma se fosse a listino, questa Mazda 9 Rendering, renderebbe molti appassionati felici.

Mazda 9 Rendering: nata controcorrente

Mazda è un’azienda relativamente piccola, se paragonata al resto del mercato automobilistico ormai costituito dai sempre più grandi gruppi automobilistici, come Toyota, Volkswagen e  Stellantis, nome che designerà il colosso nato dalla fusione di FCA con PSA.

Proprio in virtù della sua “anomalia” di mercato, che la vede essere una delle rarissime aziende indipendenti, Mazda si è sempre contraddistinta per la produzione di automobili controcorrente, con soluzioni originali e alternative che ne hanno determinato e ne determinano tuttora il successo. Non a caso, il suo motto è “Defy Convention”, ovvero “sfida la concorrenza”.

Pur avendo rinunciato, dopo la fine del periodo Ford (che comunque non modificò la sua essenza), alla produzione di auto sportive ad eccezione della Mazda MX-5, che però nasce in collaborazione con FCA che con le stesse componenti ha prodotto la Fiat 124 Spider, Mazda non ha rinunciato alla vocazione sportiva delle sue auto. Le nuove vetture nate all’insegna del Kodo Design, una delle correnti stilistiche automobilistiche più di successo degli ultimi anni, si distinguono oltre che per una guida molto divertente, cambio diretto e sterzo preciso, anche per un cofano molto allungato e l’abitacolo spostato tutto al posteriore, che rende le sue vetture dinamiche già solo vedendole.

È quasi un peccato, quindi, che oltre alla MX-5 non siano in programma supercar avveniristiche che rientrerebbero nello stile di Mazda. Ma, fortunatamente, c’è qualche grafico che ha cercato di dare qualche spunto all’azienda di Hiroshima.

Mazda 9 Rendering: compatta aerodinamica, ovviamente in rosso

Il progetto grafico della Mazda 9 Rendering si deve all’artista Joseph Robinson, autore di una vettura decisamente futuristica il cui design è fatto e pensato tenendo conto al 100% del Kodo Design e dello stile dell’azienda, come detto molto originale. Pensiamo solamente alla Mazda 3, la cui carrozzeria è un blocco unico levigato e la forma così diversa dal solito da sembrare una concept car.

A questa tendenza si è ispirato Robinson, nella creazione della Mazda 9 Rendering, una hypercar a motore centrale.  Una vettura che si fa notare, stavolta, per un cofano estremamente corto, quasi schiacciato sia dall’imponente carrozzeria laterale, e dai grossi parafanghi, sia dal blocco unico in vetro che costituisce l’abitacolo, e che crea da solo già un ottimo contrasto. A contribuire alla sensazione di larghezza della Mazda 9 Rendering c’è il disegno del frontale: la grossa mascherina schiacciata, che include il logo Mazda, si restringe sempre più confluendo nei sottilissimi fari a LED, che se non sono accesi non sono nemmeno visibili. Tra l’altro, il disegno del LED sembra costituire una saetta.

Stupendo il profilo, che mostra tutto lo studio aerodinamico dietro la realizzazione di questo Concept: la Mazda 9 Rendering si presenta come una sorta di onda che si schiaccia al frontale dopo essere partita dal retro, dove quasi si “arrotola” sulle ruote posteriori. La fiancata è pulitissima, sporcata solo dalla presa d’aria, mentre non ci sono maniglie e le portiere sono visibili unicamente per il taglio sulla carrozzeria e nel vetro. Molto belli anche i cerchi, a 5 razze irregolari e che hanno una trama tridimensionale.

Anche il retro si sviluppa tutto in larghezza. Il lunotto è minuscolo, mentre per il resto tutto si riassume in una sottilissima fascia che percorre l’auto in larghezza, e che include i fari sdoppiati e il logo Mazda. La fascia è interrotta dai due grossi scarichi, non convenzionali in quanto posti sopra e non sotto la carrozzeria, come di consueto. Il rosso Mazda è interrotto nella zona inferiore dal paraurti in nero opaco, che crea contrasto insieme al già visto tetto in vetro nero, e all’enorme griglia anteriore.

Robinson ha concentrato i suoi concept nel rosso Mazda, ma ne ha prodotti anche in bianco perlato e grigio scuro, altrettanto belli ed eleganti. In quello grigio si nota come il lunotto sia preceduto da un piccolo spoiler a ferro di cavallo, anche in questo caso volto a migliorare il coefficiente aerodinamico di questa stupenda Mazda 9 Rendering.

—–

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguiteci su Facebook, Twitter, Instagram e Flipboard. Non esitate ad inviarci le vostre opinioni e le vostre segnalazioni commentando i nostri post.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

logo R101

Frequenze Radio R101 FM: elenco completo 2020 e lo streaming

Hyundai brand Ioniq

Perchè Ioniq è il nuovo marchio delle Hyundai elettriche?

BMW Hyla

BMW Hyla: la city car del futuro secondo Polidesign