Rémy Julienne

Il re degli stuntman Rémy Julienne è morto di Covid a 90 anni

Senza Rémy Julienne James Bond non sarebbe mai esistito.

22 gennaio 2021 - 10:30

Rémy Julienne è morto ieri a 90 anni a causa del Covid, ci lascia così uno dei più grandi ed innovatori stuntman dell’industria cinematografica. Con quasi 1.400 scene spettacolari prodotte in più di 50 anni di carriera, il professionista del rischio “calcolato”, come si definiva, aveva lavorato con i più grandi registi e attori. Un elenco che comprende calibri come Georges Lautner, Dino Risi, Alberto Lattuada, Sydney Pollack, Jean-Jacques Annaud, Jacques Deray, Gérard Oury, Henri Verneuil, Jean Girault, François Truffaut, Costa-Gavras e Roman Polanski.

E, ovviamente, aveva partecipato alla realizzazione di “Poliziotto Sprint“, del quale avevamo parlato proprio questa mattina….

Nato il 17 aprile 1930 a Cepoy, vicino a Montargis nel Loiret, Rémy Julienne è fin da subito appassionato di moto. Inizia 12enne con una Peugeot 100 cc per diventare nel 1957 campione francese di motocross. Nel 1964 il “papà” di tutti gli stuntman, Gil Delamare, lo ingaggia per alcune scene d’azione in Fantômas e nel 1966 gli affida la responsabilità delle acrobazie in “Tre uomini in fuga”. La carriera internazionale di Rémy Julienne decolla nel 1969 quando Peter Collinson gli chiede di girare le scene d’azione per The Italian Job. I l film sarà un vero e proprio trampolino di lancio per lo stuntman e le Mini Cooper.

Ricordiamo allora i sei film 007, con l’Oscar vinto per “Solo per i tuoi occhi” e, sempre per lo stesso film il premio come Miglior Stunt Designer della Motion Picture Hall of Fame. Roger Moore, che per lui nutriva grandissima stima, gli fece il complimento che vale una carriera: “Senza Rémy Julienne James Bond non sarebbe mai esistito.”

Vediamo qui sotto alcune scene memorabili di Rémy Julienne.

Da “Solo per i tuoi occhi”, le scene degli inseguimenti.

 

Da “Il piccione di piazza S. Marco”, con Jean Paul Belmondo.

 

Rémy Julienne alle prese con i modelli Fiat.

 

—–

Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche sui social come FacebookTwitter, PinterestInstagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.

 

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

NuovoHyundai Bayon

Nuovo Hyundai Bayon: tutto quello che c’è da sapere

Volvo Cars

Volvo Cars annuncia che produrrà solo elettriche e svela la C40 Recharge

auto gpl

Incentivo Regione Lombardia su rottamazione e bollo auto per gpl e metano