Suzuki Swift Hybrid 2020

Suzuki Swift Mild Hybrid: la piccola giapponese brillante e a basse emissioni

Le caratteristiche della Suzuki Swift mild hybrid

21 giugno 2021 - 19:00

Suzuki Swift Mild Hybrid è una delle vetture a micro-ibridazione più di successo, e una delle prime; ed è anche una delle best seller della casa giapponese, oggi alla terza generazione. Una cittadina che piace molto ai giovani, e perfetta per i neopatentati, che unisce 5 porte e 5 posti in 4 metri, con il punto debole inevitabile del bagagliaio, ma il vantaggio di una guida divertente e brillante, nonostante il piccolo motore.

Il motore della Suzuki Swift Mild Hybrid

Con il 2021, l’intera gamma Swift è Mild Hybrid. Rimane il piccolo 1.2 da 90 CV aspirato a benzina unito all’Integrated Started Generator, una componente che funge da alternatore, motore elettrico e motorino di avviamento alimentato da una batteria da 12 Volt.

Oggi, però, anche la Sport è Mild Hybrid, con motore 1.4 da 129 CV unito sempre a una micro-ibridazione da 12 Volt. Il motore 1.2, disponibile anche con trazione integrale, è abbinato a un cambio manuale a 5 marce, mentre il 1.4 della Sport a un cambio manuale a 6 marce. Su richiesta, è disponibile il cambio automatico (solo sulla versione Top).

Il prezzo parte da 17.090 euro per il 1.2 in allestimento Easy Cool. Gli altri listini:

  • 17.490 euro per la Cool con cambio manuale;
  • 18.790 euro per la Top con cambio manuale;
  • 20.290 euro per la Top con cambio automatico;
  • 24.050 euro per la Sport (solo con cambio manuale).

La dotazione

La Suzuki Swift Mild Hybrid in allestimento Easy Cool include:

  • Cerchi in lega da 16 pollici;
  • Radio;
  • Clima manuale;
  • Sedili in tessuto;
  • Fari alogeni;

Ben più ricca è la Cool, con:

  • Display touch da 7 pollici compatibile con CarPlay e Android Auto, Radio DAB+, comandi al volante, Bluetooth;
  • Fari Full LED a regolazione automatica e luci diurne a LED;
  • Fari posteriori a LED;
  • Abbaglianti automatici;
  • Fendinebbia;
  • Sensori di parcheggio posteriori;
  • Sensore crepuscolare;
  • Cruise Control Adattivo;
  • Frenata di emergenza automatica e mantenimento della carreggiata;
  • Sistema per il monitoraggio dell’attenzione del conducente;
  • Sensore di angolo cieco;
  • Riconoscimento dei limiti;
  • Vetri oscurati;
  • Specchietti retrovisori riscaldabili e regolabili elettronicamente;
  • Sedili anteriori riscaldabili;
  • Sedili posteriori reclinabili 60/40;

Con una Cool così accessoriata, la Top aggiunge piccole rifiniture alla dotazione di cui sopra:

  • Cerchi in lega da 16” bicolor;
  • Scheda navigatore con mappe 3D;
  • Alzacristalli anteriori e posteriori elettrici;
  • Specchietti retrovisori con indicatori di direzione integrati;

Unica, infine, è la dotazione della Sport:

  • Griglia con presa d’aria maggiorata e spoiler frontale effetto Carbon;
  • Minigonne laterali ed estrattore posteriore effetto Carbon;
  • Spoiler posteriore al tetto;
  • Doppio terminale di scarico;
  • Cerchi in lega diamantati da 17 pollici Bicolor;
  • Sedili sportivi con poggiatesta integrato;
  • Clima automatico;
  • Inserti plancia e portiere in Rosso Lava;
  • Pedaliera Sportiva;

—–

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram. Vi invitiamo a seguirci anche su Google News cliccate qui sotto per l’iscrizione gratuita!

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Dacia Duster 2021

Dacia Duster GPL: il SUV comodo e risparmioso

Zeekr 001

Zeekr 001: la “Polestar” cinese di Lynk & Co è bella e prodotta nella “Zeekr Intelligent Factory”

Birò O2 edizione limitata

Birò O2 edizione limitata: in pre-ordine l’elettrica realizzata con l’80% di plastica riciclata