I nostri consigli per viaggiare con l’auto elettrica, scegliere la stazione di ricarica giusta e affrontare eventuali imprevisti.

Gli automobilisti europei e italiani stanno passando all’elettrico, ma soprattutto nel nostro paese molte persone rimangono scettiche riguardo ai viaggi su lunghe distanze. Sappiamo che viaggiare con l’auto elettrica può sembrare complicato, e per questo abbiamo pensato a 5 consigli puoi affrontare la tua prossima avventura senza problemi.

Pianifica il tuo itinerario in anticipo e con le app giuste

La pianificazione è la chiave per un viaggio in auto elettrica di successo. Pianifica il tuo itinerario e cerca le stazioni di ricarica lungo la strada. Inoltre, fai attenzione alla tua guida: il modo in cui guidi, le condizioni meteorologiche e l’uso dell’aria condizionata o del riscaldamento possono influire sulla durata della batteria.

Prendi tutto questo in considerazione quando pianifichi la tua strada e la tua distanza giornaliera. E per pianificare meglio, scarica app complete e gratuite.

Conosci i limiti della tua auto

Conoscere la durata della tua batteria e la sua autonomia ti aiuterà a scegliere il percorso migliore e le soste necessarie per la ricarica.

Ricorda che la distanza che puoi percorrere dipende dalla tua guida, dalle condizioni atmosferiche e dall’uso degli accessori dell’auto. Non aspettare di essere al 10% di batteria per iniziare a cercare, a meno che non ti piaccia il rischio!

Scegli la stazione di ricarica giusta

Scegliere la stazione di ricarica giusta può fare la differenza nella tua esperienza di viaggio. Per questo, in un viaggio lungo, devi cercare le stazioni di ricarica veloci, in grado di ricaricare la batteria all’80% tra i 18 e i 45 minuti in base alla loro potenza e a quella supportata dall’auto.

In Italia e in Europa sono sempre di più, e sono presenti anche nelle aree di servizio autostradali grazie a Free To X e Ionity. Inoltre, nel 2023 finalmente puoi sfruttare i Tesla Supercharger anche senza avere una Tesla.

Ottimizzare l’uso dell’energia a bordo

Limitare l’uso di sistemi di climatizzazione e di riscaldamento quando non strettamente necessario può aiutare a conservare energia preziosa. Molti veicoli elettrici offrono la possibilità di pre-riscaldare o pre-raffreddare l’abitacolo mentre l’auto è ancora collegata alla colonnina di ricarica, sfruttando l’energia della rete anziché quella della batteria.

Sii flessibile e preparati a un piano B

Le stazioni di ricarica possono essere in manutenzione, occupate da altri veicoli o semplicemente rotte. In questi casi, è meglio non andare direttamente in una zona remota con una sola stazione di ricarica disponibile.

Avere un piano B è fondamentale, come per esempio carica sufficiente per la prossima area di servizio, o un garage dove ricaricare durante la notte. Comunque, per scongiurare ogni rischio, meglio controllare bene lo stato dell’infrastruttura direttamente dall’app. Ancora meglio attivare un piano che consenta di prenotarle, così da non trovarle occupate.

Non fare il pilota

Le auto elettriche sono molto piacevoli perché anche con una bassa potenza sono molto scattanti, e invogliano ad andare veloce, specialmente se il tuo viaggio prevede di passare sulle autostrade tedesche, dove spesso non ci sono limiti di velocità (ma i cantieri fanno la loro parte).

Tuttavia, a meno che tu non ti voglia fermare troppo spesso, è meglio che riservi questi momenti di divertimento in alcuni contesti, mentre per il resto meglio viaggiare intorno ai 120 km/h il più possibile costanti.

Non perderti le ultime notizie e condividi opinioni ed esperienze commentando i nostri articoli:

• Iscriviti ai nostri canali Telegram e Whatsapp per gli aggiornamenti gratuiti.
• Siamo su Mastodon, il social network libero da pubblicità e attento alla privacy.
• Se preferisci, ci trovi su Flipboard e su Google News: attiva la stella per inserirci tra le fonti preferite!