BAE Hawk T1 Red Arrows XX244

F1 bacchettona: mai più esibizioni aeree militari, tranne per gli inglesi.

Il circus della Formula 1 sempre più bacchettona, vieta le esibizioni militari tranne che per la RAF inglese, permette show di aerei commerciali.

24 gennaio 2022 - 13:00

Quando Liberty Media nel 2016 ha “acquistato” la F1 per 8 miliardi di dollari da Bernie Ecclestone, speravamo tutti in futuro migliore. Di certo non pensavamo ad una Formula 1 bacchettona, che arrivò di li a poco con l’eliminazione delle grid girls nel 2018, che fortunatamente rimangono invece presenti in MotoGP.

Forse i motociclisti sono barbari, e per marcare la differenza ecco che la Formula 1 vuole diventare carbon neutral. Sarà un’altra idea geniale di Liberty Media, o di chissà chi, fatto sta che c’è un divieto assoluto di organizzare sorvoli pre gara con aerei militari. Mai più scie colorate in cielo, addio Frecce Tricolori su Monza, così come dobbiamo dire addio agli show delle altre pattuglie acrobatiche.

Fine dello spettacolo?

Quasi: gli aerei commerciali e civili possono ancora esibirsi prima delle gare di F1 quando i voli utilizzano combustibili sostenibili, un’opzione che la F1 ha reso non disponibile per i sorvoli militari. Ma si può essere più bacchettoni di così?

Attenzione, che la presa in giro non è finita. Dal circuito di Silverstone ci fanno sapere di aver ricevuto un’esenzione. Le Red Arrows, ufficialmente note come Royal Air Force Aerobatic Team, non sono classificate come aviazione militare e, come tali, non rientrano nella categoria delle esibizioni che non saranno più consentiti agli eventi di Formula 1.

 

Militari si o no?

Ma il punto è inquinare o non volere aerei militari? Perché nel primo caso la F1 deve adeguarsi completamente, auto da gara e logistica compresa. Nel secondo caso c’è qualcosa che non torna, perchè le Red Arrows volano sui BAE Hawk T1, un aereo da addestramento con motore a reazione, che potremmo paragonare all’Aermacchi MB-339 utilizzato dalla PAN italiana.

Non è un caso che il nome ufficiale degli inglesi sia “Royal Air Force Aerobatic Team“: come possa una Air Force non essere considerata militare, è un mistero. Anche se, come sempre, a pensare male ci si azzecca sempre.

Aerei di linea? Benvenuti!

Non finisce qui, perchè si viene a scoprire che grazie all’eccezione per i voli commerciali, potremo continuare a vedere le parate di Etihad e Gulf Air, con sorvoli sopra le piste e buona pace dell’inquinamento.

Pare che qualcuno si sia sentito offeso, o a disagio, nel vedere esibita la forza militare durante un evento sportivo. Disagio che come sempre sparisce quando ci sono un mucchio di soldi sul piatto, trasformando i diritti civili in un qualcosa di evanescente.

 

—–

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguiteci su Facebook, Twitter, Instagram e Flipboard. Non esitate ad inviarci le vostre opinioni e le vostre segnalazioni commentando i nostri post.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

dunlop

Gli esplode la gomma posteriore in gara ma Dunlop si salva miracolosamente

royal mail drone

La Royal Mail inglese userà i droni per portare la posta sulle isole

F1 Ferrari Leclerc

Orari F1 TV8 GP Spagna 2022 in chiaro anche su SKY e NOW