Cityscoot Milano: i prezzi e le tariffe

Cityscoot Milano

Tutte le informazioni sul servizio di scooter sharing

26 giugno 2020 - 9:00

Cityscoot Milano vanta prezzi e tariffe particolarmente vantaggiose se si tiene conto che il servizio è presente attualmente in quasi l’intera area urbana di Milano. La copertura di Cityscoot a Milano è in aumento, arrivando a coprire, fra le altre, zone come Rogoredo, Bicocca, Bovisa, Morivione, Lorenteggio, Mecenate, e sarà presto a San Donato. Gli scooter elettrici bianchi e azzurri sono parcheggiati in punti strategici della città.

Cityscoot sta comunque ampliando la flotta di scooter disponibili in città che arriveranno a ben 1.500 mezzi nelle prossime settimane, confermandosi l’operatore con la più alta densità di mezzi su Milano, oltre ad avere la copertura più ampia del territorio cittadino potendo raggiungere anche zone periferiche.

Con una flotta di motorini 100% elettrici, compresi i veicoli per la manutenzione e la ricarica delle batterie, Cityscoot Milano rende la città meno rumorosa e meno inquinata, contribuendo a modificare le abitudini di spostamento dei cittadini a favore di mezzi più ecologici e sostenibili.

Cityscoot Milano: patenti necessarie

Il servizio può essere usufruito da tutti i maggiorenni in possesso di una delle seguenti patenti: patente AM, patente A1, patente A2, patente A o patente B.

Cityscoot Milano: come funziona

I mezzi in condivisione Cityscoot Milano sono disponibili per il noleggio 7 giorni a settimana, 24 ore su 24, in tutta la “Zona Cityscoot” in cui i mezzi potranno essere noleggiati. La zona comprende l’intera zona della circonvallazione 90/91 più alcune isole strategiche come Bicocca, Rogoredo e la zona intorno allo IULM. E’ possibile utilizzarli anche al di fuori di questa zona delimitata, purché al termine del servizio vengano riportati al suo interno, nelle aree di parcheggio consentite ai veicoli a due ruote.

Il servizio è disponibile per i maggiori di 18 anni. Cityscoot offre un servizio innovativo che consentirà di migliorare la qualità della vita urbana nel capoluogo lombardo. Il sistema di prenotazione è interamente connesso: non servono chiavi, carte di credito o terminali di ricarica. È sufficiente scaricare l’applicazione Cityscoot sul proprio smartphone, Android o iPhone, e usarla per localizzare lo scooter disponibile più vicino, verificare la situazione della batteria e prenotarlo gratuitamente per 10 minuti, così da avere il tempo di raggiungerlo.

Per sbloccarlo l’utente può utilizzare la app o il display dello scooter e inserire il codice a 4 cifre ricevuto al momento della conferma di prenotazione sulla tastiera dello scooter, e avviare così il noleggio.

Il casco di Cityscoot Milano

Il casco omologato è disponibile nel sottosella. dello scooter elettrico. Sono presenti anche cuffiette telate per tutelare l’igiene personale. Ovviamente è possibile portarne di proprie. Non è fornito invece un secondo casco Cityscoot per un passeggero.

Cityscoot Milano in due: si può?

E’ possibile viaggiare in due su Cityscoot se il passeggero indossa il proprio casco è consentito. Il conducente deve essere la persona iscritta al servizio, non è possibile fare viceversa.

Cityscoot Milano: prezzi e tariffe

Non c’è nessun costo di abbonamento: il noleggio di un Cityscoot è addebitato al minuto, dal primo minuto. CityRider è la tariffa base a cui si ha accesso al momento della registrazione di 0,29 € al minuto, dal primo minuto.

Acquistando i minuti in anticipo, si possono beneficiare di sconti. Con il pacchetto CityRider 250 vengono accreditati 250 minuti al costo di 60 €, facendo scendere il costo al minuto a 0,24 €. I noleggi sono addebitati nel tuo saldo dei minuti prepagati, quando i minuti CityRider100 sono esauriti viene applicata automaticamente la tariffa CityRider.

 

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Caschi moto Nolan 2020

Caschi moto Nolan 2020: per un’estate su due ruote

Offerte scooter elettrico Lifan Agosto 2020

Offerte scooter elettrico Lifan Agosto 2020: gli incentivi su tutta la gamma

Caricabatterie per auto 2020: i migliori, quali scegliere